energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il Papa a Barbiana: la Chiesa riconosce uno dei suoi grandi testimoni Cronaca

Vicchio di Mugello – “La Chiesa riconosce in quella via un modo esemplare di servire il Vangelo”:  Papa Francesco è venuto a Barbiana, piccola parrocchia nelle colline sopra a Vicchio, nel Mugello per onorare la memoria e la testimonianza di don Lorenzo Milani che in quella piccola frazione visse per più di dieci anni creando un  modello di scuola che ancor oggi è esempio di impegno e di promozione del diritto all’istruzione di qualità per tutti gli italiani.

Don Milani fu considerato un prete che deviava dalle indicazioni della gerarchia ecclesiastica e dalla sua linea tradizionalista e fu emarginato per la sua ferma fedeltà alle sue idee. La visita del Papa, in forma strettamente privata, ha voluto essere “ una risposta a quella richiesta più volte fatta da don Lorenzo al suo vescovo…che fosse riconosciuto e compreso nella sua fedeltà al Vangelo e nella rettitudine della sua azione pastorale”, ha affermato ancora il Pontefice.

Il riconoscimento della figura e dell’opera di Don  Milani era già venuto dal cardinale Silvano Piovanelli e anche l’attuale arcivescovo di Firenze Giuseppe Betori si è adoperato perché sia definitivamente dato a Don Milani il posto di piamo piano nella storia della Chiesa del Dopoguerra. ” Ciò non cancella amarezze – ha proseguito papa Francesco  – ma dice che la Chiesa riconosce in quella via un modo esemplare di servire il Vangelo”.

Fra l’altro il Papa ha citato una frase della “Lettera a una professoressa”: “Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne tutti insieme è la politica. Sortirne da soli è avarizia”. ” Ridare ai poveri la parola – ha poi aggiunto – perché senza la parola non c’è dignità e quindi neanche libertà e giustizia: questo insegna don Milani”.    “Il prete trasparente e duro come un diamante continua a trasmettere la luce di Dio sul cammino della Chiesa, prendete la fiaccola e portatela avanti”, ha concluso il Papa. “Pregate per me, non dimenticate, che anche io prenda l’esempio di questo bravo prete, e anche voi sacerdoti, anche anziani, perché non c’è pensione per i sacerdoti, tutti avanti, e con coraggio”.

Il papa è stato accolto dall’arcivescovo di Firenze Betori, e dal sindaco di Vicchio, Roberto Izzo mentre le campane della chiesa di Barbiana hanno suonato a festa.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »