energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il Pecorino Toscano Dop consolida la sua presenza in Giappone Breaking news, Economia

Grosseto – Il Pecorino Toscano DOP consolida la sua presenza in Giappone. L’eccellenza casearia della Toscana, infatti, è nella lista dei dieci formaggi DOP italiani tutelati dall’accordo di libero scambio fra Unione europea e Giappone siglato nei giorni scorsi dopo contatti avviati dal 2013. Il trattato prevede l’abbattimento immediato dei dazi doganali per i formaggi duri e graduale per gli altri e aumenta le quantità esportabili sul mercato giapponese di formaggi, oltre a riconoscere la tutela della denominazione d’origine come ulteriore garanzia verso i consumatori. A rappresentare il Made In Italy agroalimentare in Giappone saranno, complessivamente, diciotto DOP inserite fra le 71 Indicazioni Geografiche europee riconosciute dall’accordo internazionale.

“Per il Pecorino Toscano DOP – afferma Andrea Righini, direttore del Consorzio tutela – essere uno dei dieci formaggi DOP italiani inseriti nella prima lista riconosciuta dal Ministero dell’Agricoltura giapponese delle 71 Indicazioni Geografiche europee è un motivo di vanto, di orgoglio e di riconoscimento del lavoro sin qui svolto. Questo ci stimola a proseguire nell’attività di tutela, promozione e valorizzazione del Pecorino Toscano, un prodotto che trova forza e valore aggiunto nel suo legame con il territorio di origine e nell’impegno quotidiano di tutti coloro che lavorano dietro ogni forma di formaggio”.

“L’accordo di libero scambio siglato fra Unione europea e Giappone – aggiunge Righini – rafforza la presenza del nostro prodotto nel Paese del Sol Levante, in cui esportiamo già e dove puntiamo a consolidarci considerando l’attrattiva e le potenzialità di questo importantissimo mercato asiatico. L’accordo sarà un valido aiuto in questa direzione con la riduzione dei dazi prevista per i formaggi, seppure con modalità diverse a seconda della stagionatura, e favorirà una crescente conoscenza del Pecorino Toscano DOP e del bagaglio sociale, culturale, economico e produttivo che ogni forma si porta dietro”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »