energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il Pisa vola a Foggia con un piede già in serie B Sport

Pisa – Con un volo charter domani sabato pomeriggio la squadra del Pisa si porta a Foggia per giocare domenica la partita di ritorno della finale dei playoff di Lega Pro. Chi fra le due squadre totalizzerà il miglior punteggio nella doppia finale (la prima giocata all’Arena Garibaldi domenica scorsa è stata vinta dai nerazzurri per 4 a 2) salirà in serie B.

Se la partita di domenica dovesse concludersi a favore del Foggia per due reti ad esempio 2 a 0: 3 a 1 ecc., ma all’ombra della torre pendente si fanno gli scongiuri, saranno giocati i tempi supplementari. Se dovesse persistere la parità saranno calciati i rigori. La partita, inizio ore 18, sarà trasmessa in diretta da Raisport 1. La squadra nerazzurra rientrerà in sede già domenica sera atterrando all’aeroporto di Pisa intorno alla mezzanotte.

 Oggi intanto a Pisa sono stati venduti quasi 900 dei 1500 biglietti che il Foggia ha messo a disposizione dei sostenitori pisani (per quelli pugliesi saranno disponibili 15 mila tagliandi). Nella giornata di domani dovrebbero andare esauriti. Comunque gli ultras non andranno a Foggia in segno di protesta contro l’obbligo della tessera del tifoso. Per una parte dei tifosi che andranno a Foggia è già stata organizzata una carovana di una dozzina di pullman. Gli ultras seguiranno la partita, insieme a tantissimi appassionati della squadra nerazzurra, all’Arena Garibaldi nella quale verrà installato un maxi schermo.

Intanto si cerca da tutte le parti di stemperare il clima piuttosto teso che divide le due tifoserie scaturito da certi episodi che sarebbe accaduti domenica scorsa in occasione della prima finale giocata a Pisa.

Domani pomeriggio, infatti, i due presidente delle società in campo – Lucio Fares del Foggia e Fabio Petroni del Pisa – terranno una conferenza stampa congiunta; mentre da Foggia arrivano in Toscana segnali distensivi cioè si assicura che gli sportivi al seguito della squadra nerazzurra saranno accolti con lealtà, simpatia, amicizia.

E’ più che legittimo che il mondo nerazzurro pisano guardi con fiducia all’esito finale del doppio confronto con i pugliesi considerato che la squadra di Gattuso affronta questa seconda finale partendo con il vantaggio di 4 a 2 ottenuto domenica scorsa all’Arena Garibaldi. Tra l’altro avrà un solo assente, Polverini, mentre il Foggia dovrà rinunciare a Giuseppe Loiacono ed Antonio Narciso squalificati.

 Ma nonostante questa favorevole situazione, la squadra nerazzurra domenica a Foggia dovrà andare in campo con umiltà e nervi saldi. E grande determinazione cioè non pensando, anche se sulla carta è vero, di avere già in tasca il biglietto per la serie B. Dovrà essere pronta ad affrontare una partita molto difficile, spigolosa, in un clima rovente. E pronta pure a soffrire perché l’avversario che avrà davanti e di sicura quotazione.

Nell’ultima mezzora dei primo tempo domenica scorsa all’Arena Garibaldi, il Foggia ha dato un saggio della sua “forza” e del notevole valore di alcuni suoi giocatori. Quindi domenica deve aspettarsi un undici pugliese proteso in continui attacchi portati con la disperazione nel cuore e sospinti dall’incitamento di oltre 15 mila tifosi.

Il compito del Pisa sarà difendere il prezioso vantaggio acquisito nella finale d’andata. Quindi servirà una squadra pronta a fronteggiare la pressione degli avversari che sarà asfissiante. Gattuso dovrà attuare uno schema che assicuri prima un filtro, nella tre quarti, poi una difesa compatta e reattiva. Ci sarà da neutralizzare, se necessario con una doppia marcatura, il bomber Iemmello, una autentica e terribile macchina da gol. E chiudere tutti i varchi che portano alla porta.

 In pari tempo tenere davanti un paio di attaccanti molto veloci capaci di sfruttare i contropiedi. Se in qualcuno di quei rovesciamenti di fronte il Pisa andasse a bersaglio, cosa molto probabile, allora il Foggia dovrebbe mettere la coda tra le gambe, abbandonare l’idea di salire in serie B e pensare invece ad un altro campionato in Lega Pro.  L’arbitro di questa attesissima sfida sarà Marco Piccinini di Forlì; gli assistenti Christian Rossi di La Spezia e Marco Bresmes di Bergamo, quarto uomo Carlo Amoroso di Paola.

————————

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »