energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il primo convegno in Italia interamente dedicato al fenomeno dell’autopubblicazione ad Empoli Notizie dalla toscana

Il self publishing in Italia è ancora agli esordi ma durante tutto il 2011 è emerso in modo prepotente sul mercato globale dei libri. Secondo le ultime ricerche (vedi www.ifbookthen.com), nel 2010 non c'era nessun titolo autopubblicato nella top 100 della libreria online di Amazon (uno dei principali e storici siti di commercio online specializzato in libri e che sta puntato molto sul self publishing). Ma dall'aprile 2011 al gennaio 2012 dei cento libri più acquistati su Amazon in media circa 20 sono di self publishing. Se il prezzo medio dell'ebook di un editore è di 8,5 dollari, un libro autoprodotto costa mediamente tra l'1,5 e i 2 dollari. Nel 2011 in termini di volume il mercato del self publishing costituisce tra il 3 e il 5% del mercato dell'ebook, con circa 15 milioni di download. Se il valore del mercato complessivo dell'ebook è di 2 miliardi di dollari, 20-30 milioni derivano dal self publishing.

L'evento di sabato 24 a Empoli nasce dalla collaborazione della Biblioteca comunale “Renato Fucini” con il Self-publishing Lab, un gruppo di autori ed esperti del web che da tempo si occupa delle tematiche legate all'auto-pubblicazione. La riflessione attuale sull'industria dei contenuti e sul lavoro culturale non può più eludere un fenomeno che sta ampiamente prendendo piede in Italia e che ha una innegabile dimensione pubblica. Non riducibile alla vanity press, il self-publishing è un prisma di possibilità offerte alla diffusione ed alla crescita culturale.

Esplorare le sfaccettature di questo prisma è l'intento della giornata di studi, il cui programma cerca di coprire gli aspetti teorici e quelli pratici dell'autopubblicazione: dopo una prima riflessione sugli scenari dell'editoria digitale, del digital lending e del ruolo delle biblioteche pubbliche, della legislazione relativa al diritto d'autore, gli interventi dei relatori insisteranno sugli strumenti a disposizione di chi vuole rendere pubblico un testo, sulle modalità di costruzione, di valutazione e di commercializzazione dei testi stessi. Si racconteranno inoltre le pratiche più innovative di scrittura che emergono dal web. Tra i relatori presenti ci saranno Mauro Guerrini, docente di biblioteconomia dell'Università di Firenze ed ex-presidente nazionale dell'Associazione italiana bibliotecari, l'avvocato Marco Giacomello, esperto di editoria digitale e diritto d'autore, il self-publisher Sergio Covelli e gli scrittori Vanni Santoni e Gregorio Magini, fondatori della Scrittura industriale collettiva.

L'ingresso al convegno è aperto a tutti e gratuito, basta registrarsi sul sito www.byebyebook.it, dove è disponibile il programma completo. 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »