energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il Principe dei Sogni torna in Palazzo Vecchio Cronaca

‘Firenze – Il ritorno “a casa”, dopo oltre 100 anni, dei 20 arazzi medicei  raffiguranti le storie di Giuseppe Ebreo e realizzati dai più importanti artisti del Rinascimento, è commentata con grande entusiasmo dal presidente ’dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze Umberto Tombari, che ha ricordato che, prima Banca Cr Firenze e poi Ente CR Firenze, hanno sostenuto il restauro di questi capolavori, protrattosi per 27 anni, per un investimento complessivo di un milione e 100 mila euro. “E’ davvero una bella notizia il definitivo ‘ritorno a casa’ degli arazzi medicei raffiguranti le storie di Giuseppe Ebreo e ringrazio il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la disponibilità dimostrata e il sindaco Dario Nardella per aver creduto nel progetto fin dall’inizio’’, è stato il commento di Tombari.

Tombari ha ricordato che l’Ente Cassa ‘’interviene ora per l’allestimento del Salone dei Duecento sia per l’ arredamento che per gli impianti tecnologici così da permettere  l’esposizione degli arazzi, a rotazione, secondo i parametri ambientali e di conservazione indicati dall’ Opificio delle Pietre Dure’’.

I venti arazzi medicei raffiguranti le storie di Giuseppe Ebreo e realizzati da alcuni fra i più importanti artisti rinascimentali (Agnolo Bronzino, Jacopo Pontormo e Francesco Salviati) restarono divisi per lungo tempo tra Firenze e Roma e poi provvisoriamente riuniti lo scorso anno per la mostra ‘Il Principe dei sogni’, ma ora hanno finito di peregrinare: saranno custoditi a Firenze ed esposti a rotazione nella rinnovata Sala dei Duecento.

“Si tratta – ha dichiarato il sindaco Nardella – di un evento di portata storica per Firenze e per l’Italia. In questa sala, che ha visto passare la storia pubblica della città, presentiamo oggi non solo il progetto che integra l’allestimento istituzionale con il percorso museale ma grazie alla collaborazione decisiva del Quirinale e alla disponibilità personale del presidente Sergio Mattarella, possiamo annunciare la decisione di custodire i 20 arazzi delle storie di Giuseppe Ebreo a Firenze al fine di consentirne un’esposizione permanente a rotazione dove originariamente Cosimo dei Medici aveva voluto che fossero esposti”. “Ritorniamo in chiave filologica all’origine della storia di questo patrimonio culturale – ha continuato il sindaco -. Ringrazio sentitamente il presidente della Repubblica e il Ministero dei Beni culturali. Nelle prossime settimane metteremo a punto le modalità con cui custodire ed esporre questa collezione di arazzi che non esito a definire tra le più importanti al mondo”.

La serie di 20 arazzi raffiguranti le “Storie di Giuseppe Ebreo”, commissionati nel Cinquecento (Firenze 1545-1553) da Cosimo I de’ Medici, rappresenta una delle più alte testimonianze dell’artigianato e dell’arte rinascimentale. Il prezioso nucleo, tessuto dai fiamminghi Jan Rost e Nicolas Karcher su cartoni realizzati da alcuni dei più importanti artisti del Rinascimento – Agnolo Bronzino, Jacopo Pontormo e Francesco Salviati – è stato esposto per più di un secolo nella Sala dei Duecento di Palazzo Vecchio, per poi essere conservato nei depositi fino al secolo scorso quando è stato esposto al pubblico all’indomani dell’Unità d’Italia. Della serie completa sono oggi conservati a Firenze dieci pezzi mentre gli altri dieci sono stati portati a Roma, alla fine del secolo scorso (1882) per volere dei Savoia, per adornare i saloni del Quirinale. Nel 1983 gli arazzi furono definitivamente rimossi dalle pareti della Sala dei Duecento per essere sottoposti ad indagini sul loro stato di conservazione e per avviarne il restauro cominciato nel 1985. L’intervento è stato affidato e concluso all’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, col sostegno finanziario della Cassa di Risparmio di Firenze prima e dell’Ente Cassa poi.

Sugli arazzi è rappresentata la storia di Giuseppe, figlio di Giacobbe, odiato dai fratelli perché prediletto dal padre. Cosimo de’ Medici nutriva una particolare predilezione per la figura di Giuseppe, nelle cui fortune vedeva rispecchiate le alterne vicende dinastiche medicee: Giuseppe, tradito e venduto come schiavo dai fratelli, fatto prigioniero in Egitto, riesce comunque, grazie alle sue rare doti intellettuali, a sfuggire alle avversità, a perseguire una brillante carriera politica e a raggiungere posizioni di potere. Abile parlatore, consigliere e interprete dei sogni del Faraone, mette in salvo un’intera popolazione dalla carestia e, infine, dà prova di clemenza e magnanimità, perdonando i fratelli che lo avevano tradito.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »