energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il sindaco di Prato riceve un avviso di garanzia per bancarotta fraudolenta Cronaca

Il sindaco di Prato, Roberto Cenni, è stato amministratore delegato dell’azienda di abbigliamento Sasch fino al 22 giugno del 2009, quando è stato eletto primo cittadino di Prato ed ha deciso di abbandonare le sue cariche la società per dedicarsi esclusivamente alla politica. Nella mattinata di ieri, 22 dicembre, la guardia di finanza pratese gli ha recapitato un avviso di garanzia per bancarotta fraudolenta. Le indagini delle fiamme gialle si riferiscono al periodo in cui Cenni era dirigente della Sasch, che, fra l’altro, aveva chiesto da pochi mesi il fallimento dopo aver dichiarato di aver contratto  un debitorio di circa 170 milioni di euro ed aver concordato un piano fallimentare con i propri creditori. Cenni, eletto sindaco di Prato come esponente civico sostenuto da Pdl, Lega Nord, Udc, La destra ed altre liste civiche, si è detto disponibile a fornire ogni chiarimento agli inquirenti. Continuerà però, ha continuato, il suo impegno come amministratore del Comune di Prato come se nulla fosse accaduto. Solidarietà a Cenni arriva dal coordinatore provinciale del Pdl pratese, Riccardo Mazzoni. « Respingiamo al mittente – ha dichiarato – le strumentalizzazioni di chi, privo di convincenti argomentazioni politiche, è in cerca di improbabili scorciatoie per riconquistare la guida del Comune».

Print Friendly, PDF & Email

Translate »