energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Il Teatro Comunale non si vende ma il mutuo rimane Cronaca

Insomma, il Teatro Comunale non si vende, ma il mutuo rimane. E che mutuo: 35milioni, euro più euro meno, che vanno a pesare sulle già esangui casse comunali. Il provvedimento dirigenziale che sospende il Teatro da “nuovi tentativi di vendita” è dell’11 novembre 2011. La prima asta, andata deserta, per la vendita dell’immobile è di due anni fa.
Ricapitolando, la vendita non solo non c’è stata, ma non ci sarà. Peccato che il comune, nel frattempo, aveva stipulato, sulla prevista alienazione, un mutuo di 35,6 milioni di euro.
La ragione? E’ presto detta, spiegano i due consiglieri comunali Ornella De Zordo e Tommaso Grassi: il mutuo serviva “per far comparire i proventi della presunta e per ora fallita alienazione nel bilancio comunale”.
Un altro dato inquietante emerge dalla nota dei consiglieri comunali di Unaltracittà e di Sinistra e Cittadinanza: “Il mutuo è stato stipulato a un tasso alto collegato all'andamento dello spread e motivato dal periodo di pre-ammortamento (2 anni) senza interessi – spiegano –  nel quale sarebbe stato possibile estinguere con ridotte penali in qualsiasi momento il debito acceso. Dunque non beneficeremo della mancanza di penale e continueremo a pagare il tasso alto del mutuo: una perdita secca per le casse comunali”. Inoltre, i due consiglieri non escludono la “tentazione” da parte dell’amministrazione di consentire interventi speculativi (magari aumentando la quota delle residenze di pregio e diminuendo quella destinata agli alloggi popolari e a canone calmierato) pur di rendere appetibile la struttura. O, magari, di abbassare ulteriormente il prezzo.
"Qualunque sia la strada che verrà intrapresa – conclude la nota –  nel caso del Teatro Comunale sarà una perdita per la collettività, che si ritroverà o privata di un bene svalutato dalla permanenza sul mercato, o con un mutuo costoso che deve tappare il buco della mancata vendita", De Zordo e Grassi ribadiscono "che l'intera operazione che ha consentito di mettere a bilancio beni immobili da alienare senza aver alcuna sicurezza della loro vendita è stata azzardata e si dimostra fallimentare".

Print Friendly, PDF & Email

Translate »