energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Il tiglio “nervoso” ci svelerà l’inquinamento ambientale Economia

Tigli, platani, salici “sentono” l’inquinamento atmosferico ed emettono particolari segnali elettrici. Si tratta di captarli, decifrarli, elaborarli ed è fatta: avremmo un centralina tutta verde che ci metterà in guardia da ogni alterazione ambientale. E' un progetto che potrebbe letteralmente rivoluzionare la rilevazione dell’inquinamento atmosferico così come è avvenuta finora, risparmiando fra l’altro fior di quattrini. L'ideatore è Stefano Mancuso, che dirige il Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale di Firenze.
Il progetto si chiama Aria, ovvero Alberi per il rilevamento dell’inquinamento atmosferico, e vede il Dipsa (dipartimento di Scienza delle produzioni vegetali) della facoltà di Agraria di Firenze, capofila di un network di imprese locali che lavorano nell’ambito dell’elettronica e della sensoristica. E’ stato presentato alla Regione Toscana nell’ambito dei bandi del Fesr, per un finanziamento di 1,5 milioni di euro.
“E’ un progetto a cui stiamo già lavorando con la Comunità europea – spiega Stefano Mancuso -, ma se riuscissimo a realizzarlo a Firenze sarebbe il primo esempio nel mondo”. L’ipotesi, apparentemente semplice, è quella di utilizzare gli alberi per conoscere lo stato dell’ambiente in cui viviamo. Ciò che è molto meno intuitivo e meno facile da digerire è che le piante secondo la neurobiologia vegetale, la disciplina di Mancuso, captano le variazioni ambientali molto più degli animali e dell’uomo. La ragione è che hanno un apparato di senso superiore a entrambi. “C’è una spiegazione molto semplice per questo fenomeno: gli animali in presenza di condizioni ambientali sfavorevoli scappano via, le piante no”. Dunque l’evoluzione le ha congegnate in modo da poter capire con molto anticipo che qualcosa sta mutando e così adattarsi efficacemente alla nuova situazione.
L’idea di Mancuso è di sfruttare proprio questi loro sofisticati sistemi di interazione con l’ambiente. Ma prima bisogna decodificare per così dire, questo loro linguaggio. “Una pianta che avverte l’inquinamento emette segnali elettrici: si tratta di cercare di interpretarli”. E questa è un’affascinante pagina scientifica tutta da scrivere. Il sistema di rilevazione invece funzionerebbe in modo molto semplice. Elettrodi attaccati alle piante, una macchinetta per ogni albero dal costo irrisorio. Una volta a regime, poco più di dieci euro per ognuna, contro le centinaia di migliaia di euro delle attuali centraline di rilevazione dell’inquinamento.
I tigli, i platani, i salici, gli olmi di Firenze con i loro impulsi nervosi potrebbero funzionare tutti egregiamente, perché sono piante particolarmente sensibili. Fino ad ora Mancuso ha effettuato solo esperimenti di laboratorio, non ancora sul campo. Ma i risultati sono stati comunque sorprendenti.

Foto: viale dei Tigli a Berlino

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »