energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Imprese agricole, strozzate da calo dei prezzi e aumento dei costi Economia

Le misure del governo Monti (Imu e contributi previdenziali) rischiano di aggravare gli oneri per i produttori e di vanificare l’aumento dei redditi registrato nel 2011.  I prezzi sui campi continuano a diminuire (meno 3 per cento nello scorso mese di marzo rispetto all’analogo periodo del 2011), mentre i costi produttivi pesano sempre sulle imprese agricole e ora rischiano di aggravarsi ulteriormente con le misure del governo Monti, a cominciare dall’Imu sui fabbricati e i terreni agricoli. A segnalarlo è la Cia-Confederazione italiana agricoltori la quale, sulla base dei dati elaborati dall’Ismea, rileva che le flessioni più accentuate delle quotazioni all’origine dei prodotti agricoli si hanno per l’olio d’oliva, i cereali, la frutta, gli ortaggi e il settore lattiero-caseario; mentre i rincari del gasolio agricolo hanno toccato nuovi record che stanno mettendo in seria difficoltà non solo le serre, ma anche tutte le altre aziende.
In particolare, si registra – rileva la Cia – per l’olio d’oliva e per gli altri oli e grassi un crollo dei prezzi che supera il 21% rispetto allo scorso anno. Analogo discorso per la frutta fresca e secca (-13%), per i cereali (-12%), per gli ortaggi (-2,5 per cento), per il latte e i derivati (-2%).
Più preoccupante, invece, appare – rimarca la Cia – lo scenario dei costi produttivi e degli oneri contribuitivi che aggravano sempre di più i bilanci aziendali. E ora la situazione può divenire ancora più pesante se non si metterà un freno alla rincorsa frenetica dei prezzi petroliferi. In questo contesto è sempre più indispensabile che il governo azzeri al più presto le accise sul gasolio agricolo in modo da permettere una riduzione degli oneri a carico delle imprese.
Basta, comunque, vedere l’andamento dei prezzi dei mezzi correnti di produzione per comprendere – afferma la Cia – i problemi che sono costrette ad affrontare le aziende agricole. A febbraio scorso (ultimo dato disponibile), rispetto all’analogo periodo del 2011, si è avuto, infatti, un aumento di oltre il 9% dei carburanti, del 5% per i concimi, del 10% per le assicurazioni e per gli allevamenti animali, del 2,5% per le sementi. Per il carburante agricolo è indispensabile un abbattimento delle accise.

Ovviamente, questa situazione rischia di avere effetti negativi sui redditi e di annullare il trend positivo registrato nel corso del 2011 (più 11,4% rispetto al 2010). Un positivo segnale di inversione di tendenza, anche se non è stato colmato il pesante crollo del 30% degli ultimi dieci. Non solo. La manovra economica, che aumenta pesantemente i costi per le imprese (vedi i contributi, i rincari del gasolio e la tassazione sui fabbricati rurali e i terreni agricoli), può, di fatto, cancellare questo primo importante risultato.
La ripresa dei redditi nel 2011, tuttavia, rappresenta un elemento significativo poiché – avverte la Cia – interrompe una flessione continua che aveva accresciuto i problemi dei nostri agricoltori. Il quadro generale, tuttavia, resta carico di ombre. Dal 2000 non solo si è avuta una costante corrosione dei redditi, ma anche una lievitazione (più 20%) dei costi per i mezzi di produzione, dei contributi e della burocrazia, che sono cresciuti di oltre il 15 per cento, mentre i prezzi praticati sui campi, sempre nello stesso periodo, sono scesi del 15 per cento.
Il colpo di grazia per i redditi degli agricoltori italiani è venuto – ricorda la Cia – nel 2009 quando sono crollati di oltre il 20%. Il calo più accentuato degli ultimi dieci anni che, nonostante i dati positivi del 2004 e del 2008 (rispettivamente più 3,5 per cento e più 2 per cento), avevano segnato, appunto, un continuo andamento al ribasso, con punte del meno 10,4 per cento nel 2005 e del meno 3,4 per cento nel 2006.

Foto www.inea.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »