energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Imu: le indicazioni diocesi Firenze per parrocchie e istituti religiosi Notizie dalla toscana

Alla scadenza dei termini di pagamento della prima rata della nuova tassa Imu, la Curia fiorentina, attraverso i suoi uffici amministrativi, ha diramato una nota, con la quale ha fornito alle parrocchie le linee guida. La diocesi ricorda che “è confermata l’esenzione dall’imposta per edifici di culto e loro pertinenze”, ovvero tutti gli immobili parrocchiali: abitazione dei sacerdoti, abitazione di religiosi che lavorano nella pastorale parrocchiale, sale della comunità, uffici parrocchiali, aule catechesi, ecc. e che siano utilizzati direttamente per attività pastorali.  

Se però, precisa la nota, l’attività fosse svolta da un soggetto diverso, esempio associazione o gestore estra, allora dovrà essere pagata l’Imu. 

Nell’esenzione dell’Imu rientrano anche tutti gli immobili utilizzati per attività di religione e di culto quali case religiose, monasteri, seminari, episcopi, uffici di curia, ecc.

Per la curia comunque i dubbi ci sono per scuole, ospedali e case di cura, case di riposo, case per ferie, case di accoglienza, mense e ricoveri per i poveri, ovvero per quelle realtà non commerciali che utilizzano immobili per attività esenti e non esenti.

Secondo gli uffici amministrativi della diocesi fiorentina “è ragionevole ipotizzare che le modalità di esenzione possano risultare molto simili a quelle richieste dalla circolare del 2009 sulle esenzioni per l’Ici; anche se la nuova norma parla di attività non commerciali”.

Tuttavia le indicazioni che la Curia fiorentina dà sono precise:  in attesa dell’emanazione del decreto, “raccomanda una rigorosa applicazione delle suddette disposizioni”, aggiungendo comunque che, qualora il decreto prevedesse modalità di attuazione diverse, “sarà eventualmente possibile regolarizzare la posizione con ravvedimento operoso in occasione del pagamento del saldo”, previsto per  il 16 dicembre”.

La Curia comunque terrà nei prossimi mesi vari incontri  specifici su l’Imu con i parroci e i loro collaboratori.

Foto: www.vivicentro.org

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »