energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

In arrivo due nuovi dipinti al Museo delle Cappelle Medicee Cultura

Firenze – Domenico e Valore Casini erano due fratelli abili nella ritrattistica nel primo seicento, a loro si rivolgevano le famiglie patrizie fiorentine per lasciare un ricordo pittorico della loro immagine e non di rado tali ritratti venivano eseguiti “da morto”. E’ il caso del “Ritratto di Cosimino de’Medici”, un olio su tela di forma ottagonale che ci restituisce l’immagine del primogenito di Ferdinando II e Vittoria della Rovere, nato prematuro nella notte tra il 19 e 20 dicembre del 1639  e scomparso appena  quaranta ore dopo.

Il Granduca annunciando la nascita dell’erede al trono  al fratello Leopoldo esprime la sua intenzione di rinviare i festeggiamenti a causa della fragilità del nascituro, nel dire  “ non ci risolviamo di farne per ancora allegrezze pubbliche”. Domani, in occasione della “Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità” questo dipinto insieme alla tela “Papa Pio V incorona Cosimo I granduca di Toscana”, di pittore fiorentino del sec. XVI acquistati dallo Stato e  dalla Soprintendenza per il Polo Museale Fiorentino, saranno in mostra al Museo delle Cappelle Medicee al quale sono stati destinati.

L’immagine unica del piccolo Cosimo , realizzata con cura meticolosa nei dettagli del ritratto e della ricca  veste sarà custodita nel luogo sicuramente più consono,  nel Mausoleo dove il bambino è stato sepolto  insieme ai genitori. L’altra opera , di ignoto artista del XVI secolo, raffigura l’incoronazione di Cosimo I de’Medici a primo Granduca  di Firenze e Siena da parte di Pio V avvenuta il 5 marzo del 1569 con ogni probabilità nella Cappella Sistina, alla presenza di cardinali, gentiluomini e armigeri.
Tra i personaggi che assistono alla cerimonia compare il nano di corte, il Nano Morgante immortalato da Bronzino. L’opera è legata alla cultura accademica fiorentina della seconda metà del Cinquecento, acquistato nel 2013 dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del turismo è stato destinato al Museo delle Cappelle Medicee e collocato in prossimità della tomba di Cosimo I.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »