energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

In barba a Berbatov, ecco come va a finire quando di mezzo c’è la Juve Opinion leader

Buonanotte ai sognatori. Chi sognava? Firenze sognava, i fiorentini sognavano, una piazza sognava. Sognavano tutti l’arrivo di Dimitar Berbatov, centravanti bulgaro del Manchester United che, bloccato da qualche giorno dalla Fiorentina, avrebbe dovuto andare a completare l’attacco viola con Jovetic. Un attacco stellare si diceva, perché Berbatov in Premier League è attaccante da un gol ogni due partite, come del resto in tutta la carriera (tra campionato e nazionale bulgara, in quattordici anni circa 230 gol in 450 partite…), e a 31 anni e mezzo avrebbe dialogato, con la sua classe ed esperienza, alla perfezione con un giovane di belle, bellissime speranze come Jo-Jo. Invece, si sa, le vie del calciomercato sono come quelle del Signore per chi ci crede, infinite, ed ecco che il cecchino bulgaro a metà del suo viaggio verso Firenze, dove avrebbe dovuto firmare un triennale da circa 2 milioni a stagione, si è bruscamente interrotto. A Monaco si è fermato del tutto, perché ha squillato il telefono e dall’altra parte c’era la Juventus. Già, la Juventus, gli odiati da qualsiasi tifoso viola… Loro, quasi a voler cancellare lo sgarbo della mancata cessione di Jovetic per 30 milioni cash (alla fine i bianconeri si erano decisi, è mancato solo il rispetto del gentlemen’s agreement da parte dei Della Valle) hanno ripiegato sul bulgaro dalla divisa nei capelli, le cui foto esultante avevano già tappezzato i profili dei viola più incalliti su Facebook e Twitter, che sognavano il suo imminente arrivo all’ombra del Duomo, del Ponte Vecchio, sotto la Fiesole… Invece i sogni a volte finiscono male. E a testimonianza del fatto che le vie del calciomercato eccetera eccetera, se un’ora fa da Manchester si dicevano indignati dell’atteggiamento di Berbatov, ora indiscrezioni da noi raccolte parlano di una Juventus che sta parlando direttamente con la dirigenza dei Red Devils per definire l’approdo del bulgaro alla corte di Carrera. E il diretto interessato? Lascia a Facebook il suo pensiero: “Non leggete i giornali, ora sono solo bugie e speculazioni”. Quindi i 5 milioni da pagare in tre rate, l’ingaggio già definito, l’ok di Ferguson, il viaggio verso Firenze pagato direttamente dalla Fiorentina, sono state solo bugie? Solo speculazioni? Chi lo sa ancora, questa telenovela potrebbe durare comodamente anche fino alle 19 del 31 agosto, fine del mercato. Di certo Dimitar, bugie o speculazioni che fossero, spesso a fine mercato i giornali ci prendono perché le carte da giocare restano poche, quindi se c’è qualcuno dal quale attendere una porzione di verità, sei tu. Firenze, la Fiorentina, i fiorentini, ti aspettano. O aspettano. Di fischiare la tua prestazione a ogni tocco di palla in maglia bianconera. Ma alla fine pensandoci bene, sarebbe solo ordinaria amministrazione: la Juve verrebbe fischiata lo stesso, con o senza di te.
Niccolò Bagnoli

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »