energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

In provincia di Siena un commerciante su tre non rilascia scontrino fiscale Cronaca

In una settimana di controlli, da lunedì 19 a domenica 25 marzo, la Guardia di Finanza ha constatato che nella provincia di Siena un esercente su tre non emette scontrino fiscale. Sono state 96 le pattuglie delle Fiamme Gialle impegnate nei controlli e 192 i militari, in divisa o in borghese, che hanno operato le ispezioni fiscali. Passate al setaccio 233 attività commerciali, sono risultati non in regola con l’emissione degli scontrini e delle ricevute fiscali 26 esercizi su 93 nel Comune di Siena (28% di violazioni), 23 su 69 nell’area della Valdelsa (33% di violazioni), 13 su 60 nell'area della Valdichiana (21% di violazioni), e 4 su 11 nella zona dell'Amiata (36% di violazioni).  Sono stati poi scoperti 5 lavoratori in nero ed altri 27 lavoratori irregolari che erano stati inquadrati come lavoratori a progetto quando invece erano impiegati a tempo indeterminato e ricevevano indennità varie invece delle ore di straordinario a cui avevano diritto. Sono stati inoltre posti sotto sequestro 330.000 articoli di vario genere, come bigiotteria, dispositivi medici e giocattoli sprovvisti del marchio di sicurezza CE, nonché 2.300 prodotti alimentari scaduti che hanno anche portato alla denuncia di 6 persone. Sequestrati anche 38 testi universitari fotocopiati e denunciata una persona per violazione della normativa sul diritto d’autore. Sempre dai controlli della Guardia di Finanza senese è emerso che il 50% degli esercizi controllati aveva omesso di indicare il prezzo sui prodotti in vendita. In questo caso i commercianti non in regola sono incorsi in sanzioni amministrative che vanno da 500 a 3.000 euro, come previsto dal Codice del Commercio della Regione Toscana. Non sono stati riscontrati, invece, aumenti ingiustificati dei prezzi dei prodotti.

Foto: http://www.professionisti.it
 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »