energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

In Versilia Easy Rider in versione restaurata Cinema

Seravezza – Arriva in Versilia, a partire da Mercoledì 11 Settembre (alle 21:30 al Cinema Scuderie Granducali di Seravezza, in replica Sabato 14 alle ore 18:00 e Domenica 15 alle ore 17:00), uno dei film simbolo della New Hollywood, nella nuova veste restaurata grazie alla Cineteca di Bologna e a Sony Pictures: Easy Rider, il film d’esordio di Dennis Hopper diventato titolo di culto fin dall’estate del 1969, torna in sala a meno di un mese dalla scomparsa del protagonista Peter Fonda, il 17 agosto, a 79 anni.

Prodotto dallo stesso Peter Fonda, portò nelle sale migliaia di giovani grazie al passaparola della controcultura hippy.
A ottobre del ’69 se ne sarebbe andato Jack Kerouac il cui “Sulla strada” può essere considerato come la Bibbia laica dei protagonisti di “Easy Rider”, da sempre riconosciuto come il film “on the road” per eccellenza, pellicola indipendente e senza attori famosi, apparentemente senza trama, con un finale crudo e senza speranza, riflesso di una generazione che in pochi anni aveva visto cadere icone popolari e giovanili come John Kennedy, Malcolm X e Martin Luther King. Con Easy Ridersi fece strada la nuova Hollywood dei Coppola, Altman, Scorsese, Cassavetes.

L’opera prima di Dennis Hopper fu consacrata con il premio per il migliore esordio al Festival di Cannes, due nomination all’Oscar e una serie di riconoscimenti che oggi gli valgono un posto nella “hall of fame” dei 100 film più importanti nella storia del cinema statunitense.


Il viaggio di Easy rider nelle sale versiliesi proseguirà lunedì 16 e Lunedì 23 al Cinema Borsalino di Camaiore e Martedì 24 e Mercoledì 25 al Cinema Comunale di Pietrasanta, tutti gli spettacoli alle ore 21:30.

LA TRAMA: due moderni cowboy attraversano le sconfinate distese dell’ovest e del sud, dalla California a New Orleans e sulla strada si imbattono nei veri mostri, portabandiera dei buoni sentimenti e dei probi comportamenti: poliziotti brutali, cittadini rancorosi e ubriaconi, autentici assassini protetti dall’anonimato. “Easy Rider” è una ballata triste in cui gli sterminati spazi della cavalcata ricordano il west di Sam Peckimpah; il film si libera dal pudore verso gli stupefacenti, anche se l’esperienza con l’LSD finirà drammaticamente per tutti.
Print Friendly, PDF & Email

Translate »