energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Inaugurati altri 7,3 km della Due Mari Notizie dalla toscana

Nella mattina di oggi, 7 marzo, l’assessore regionale ai Trasporti, Luca Ceccobao, si è recato a Civitella di Paganico (Grosseto) per l’inaugurazione del nuovo tratto della Due Mari. Il progetto per la Due Mari è partito negli anni Settanta e prevedeva la costruzione di 270 km per collegare Grosseto a Fano, passando per Siena, Bettolle ed Arezzo (in Toscana), e poi toccando Città di Castello, la valle del Metauro ed Urbino. Fino ad oggi sono stati costruiti circa 127 km e per completare l’opera servirebbero altri 3 miliari e 900.000 euro. Con l’inaugurazione odierna del nuovo tratto, ha spiegato l’assessore regionale Ceccobao, continua il completamento della Siena-Grosseto e si giunge circa alla metà del percorso. Ora la Regione dovrà cercare di convincere l’Unione Europea a concedere alla Toscana ulteriori risorse per completare l’opera ed attendere da Anas che venga ridisegnato il tracciato attorno ad Arezzo per dare il via ai lavori anche nella zona della città aretina. «Gradualmente – ha proseguito Ceccobao – quest’opera ci mostra i benefici che apporterà a questi territori in un’ottica non solo regionale ma nazionale. Quando sarà completata, quando cioè sarà possibile muoversi in un’arteria di questo tipo, a quattro corsie, dal Tirreno all’Adriatico, l’economia riceverà un impulso positivo fortissimo. Non sono però più tollerabili i ritardi che si sono registrati troppe volte in passato. Ogni energia deve essere mobilitata verso questo obiettivo, valutando, in una fase di carenza di risorse pubbliche, anche strade e soluzioni diverse, a partire dal project financing». Il lotto inaugurato oggi consta di circa 7,3 km di strada a 4 corsie, un ponte di 70 metri, 2 viadotti, una galleria artificiale di 210 metri di lunghezza e dello svincolo di Paganico nord (che consentirà di collegare la E78 con l’abitato della cittadina, la Val d’Orcia, il Monte Amiata, le Colline Metallifere e Roccastrada). Per realizzarlo sono stati impiegati 60 milioni di euro e sono stati necessari tre anni e mezzo. Adesso i lavori della Due Mari si spostano sui lotti n. 5, 6 e 7, per i quali serviranno circa 270 milioni di euro.

Foto: www.toscana-notizie.it

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »