energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Inaugurazione del tabernacolo con finale movimentato Foto del giorno

Firenze – Finale movimentato all’inaugurazione del restauro del ‘Tabernacolo delle Fonticine’, in via Nazionale a Firenze. L’inaugurazione è stata interrotta a causa di un incidente avvenuto tra la piccola folla che si era radunata ai due lati di via Nazionale. Nonostante la presenza di due vigili urbani  un’auto lasciata passare fra i due lati di folla ha colpito a un piede una donna che è caduta. Soccorsa dai vicini e dagli stessi protagonisti dell’inaugurazione, la ferita è stata fatta sedere su una sedia in attesa di dell’arrivo di un’ambulanza.

Il Tabernacolo è una costruzione complessa che ospita un grande bassorilievo in terracotta invetriata policroma realizzato dalla bottega dei Della Robbia nel 1522 su incarico di una delle ‘Potenze’ della città (associazioni costituitesi fin dal Duecento che avevano il compito di organizzare festeggiamenti in occasione delle varie vicende cittadine) denominata ‘Reame di Beliemme’. Il nome ‘Fonticine’ deriva, invece, dalle sette cannelle che, abboccate ad altrettante protomi di cherubini modellate nel marmo, versano acqua nello stretto bacile della vasca.

L’intervento è risultato particolarmente difficoltoso sia per il pessimo stato di conservazione sia per la necessità di realizzare un cantiere in un spazio ad alta concentrazione di traffico e ad alto carico antropico qual è questo tratto di Via Nazionale. Per la struttura architettonica in pietra serena, gravemente compromessa, si è proceduto, dopo la rimozione dei depositi superficiali, ad un preconsolidamento delle parti che presentavano fenomeni di polverizzazione e sollevamenti cui è seguita una disinfestazione con l’applicazione, in più cicli, di prodotti biocidi. Successivamente sono state eseguite iniezioni di resine. Le integrazioni di parti mancanti sono state effettuate con l’ausilio di alcuni perni in fibra di vetro.

Infine si è provveduto ad una protezione superficiale e ad una omogeneizzazione cromatica finalizzata ad ottimizzare l’aspetto estetico delle ricostruzioni e dei giunti. L’intervento di restauro (del valore di quasi 90mila euro) è stato completamente realizzato e finanziato dall’Istituto Lorenzo de’ Medici e seguito dal professore Lorenzo Casamenti, responsabile del Dipartimento di restauro dell’Istituto, che in 8 mesi, con un impegno di 32 ore a settimana e un team di esperti restauratori, ha lavorato per riportare il Tabernacolo all’originale splendore.

L’inaugurazione è avvenuta alla presenza dell’assessore all’ambiente e al decoro Alessia Bettini, monsignor Marco Viola, rappresentanti del ‘Comitato per il decoro e il restauro dei tabernacoli’, Fabrizio Guarducci presidente Istituto Lorenzo de’ Medici, Lorenzo Casamenti, Responsabile dipartimento di Restauro Istituto Lorenzo de’ Medici, Monica Baldi presidente Associazione Pinocchio. Presente anche il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani.

 

tabernacolo-incidente2

 

incidente-tabernacolo3

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »