energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

In/Canti e Banchi: la 26° edizione del Festival di Castelfiorentino Notizie dalla toscana

Castelfiorentino –  C’è il “Palazzo magico” che fa letteralmente “scomparire” i visitatori. La Confraternita di frati che alterna i canti gregoriani al rock. L’illusionista che invita i presenti a “toccare con mano” l’impossibile. E poi una prima nazionale assoluta: “Pindarico”, un volo in bilico tra il reale e l’immaginario, un viaggio all’insegna del trasformismo su trampoli che accompagnerà il pubblico alla scoperta di un mondo fatto di creature straordinarie.

“Notti magiche” accenderanno la 26° edizione di “In/Canti e Banchi”, il festival che apre la stagione del teatro di strada in Toscana e che si svolgerà a Castelfiorentino questo fine settimana, da venerdì 20 a domenica 22 maggio (ingresso gratuito e negozi aperti). Un’edizione che si preannuncia davvero frizzante, con spettacoli che illumineranno tutto il centro storico alto e basso e le performance teatrali di “Un Castello di In/Canti”, il gran finale della domenica con le realtà artistiche locali come sempre accompagnato dal mercato dell’antiquariato, del collezionismo e dell’artigianato.

Come un enorme palcoscenico naturale all’aperto, Castelfiorentino si vestirà dunque a festa a partire da venerdì, con il tema della “magia” declinato nelle sue molteplici sfumature: dalle illusioni alla manipolazione, dal trasformismo a terra e su trampoli al mentalismo e alla prestigitazione, dove l’immaginazione del pubblico sarà messa a dura prova. Il percorso artistico, che si svilupperà prevalentemente lungo le strade, le piazze e i vicoli del paese alto, non risparmierà neppure le abitazioni private come Palazzo Sabatini, dove il “SestoSenso” (questo il titolo dello spettacolo) rimarrà l’unica bussola di un viaggio emozionale al di fuori dell’ordinario; l’ingresso è limitato a 13 persone alla volta e la visita dura 13 minuti: porterà fortuna o sfortuna? Chissà.

La Terrazza della Pieve ospiterà “The lord of magic” con Tiziano Cellai, uno dei maggiori illusionisti italiani, che trasporterà gli spettatori in un’altra dimensione grazie alle sue fantascientifiche macchine di magia, mentre le piazze principali del borgo alto accoglieranno la performance del duo italo francese Izimagic (“Izimagica show”) vincitore di numerosi riconoscimenti, il “soffio magico” di Bubble on Circus e la prima nazionale di “Terzostudio/Circo improvviso” con “Pindarico”, che partendo da una mongolfiera condurrà gli spettatori a imbattersi in un dinosauro, un unicorno, un uccello variopinto. una scimmietta circense, un polpo viola, un elefante. Ancora, tanti microspettacoli, su postazione fissa oppure itineranti, nelle vie e nelle strade del centro storico. Sabato sera, occhio puntato anche al Museo Benozzo Gozzoli, che offrirà la possibilità di ammirare gratuitamente gli affreschi del famoso pittore fiorentino.

Ma il teatro di strada non si fermerà al sabato sera. Domenica 22 maggio, con un “Castello D’In/Canti”, oltre 15 spettacoli animeranno il borgo alto grazie alle compagnie di teatro, di danza e di musica di Castelfiorentino, e il contributo di numerosi associazioni e delle scuole, grazie alla collaborazione con il Comitato Genitori. Il tutto sarà coordinato da Diego Conforti, molto apprezzato come regista e attore teatrale ma anche nel saper conciliare le esigenze di tutti, valorizzando le doti e le attitudini delle persone che fanno parte di un mosaico associativo quanto mai ricco e diversificato.

Sempre la domenica, e per l’intera giornata, spazio inoltre al mercato dell’artigianato, dell’antiquariato, del collezionismo e vintage. Nella parte bassa, piazza Gramsci sarà invasa da decine di “banchi” del mercato dell’artigianato, delle piante e dei fiori, mentre piazza Kennedy ospiterà la parte enogastronomica offrendo un’ampia e selezionata scelta di prodotti tipici: vino, olio, miele, spezie, the e tisane, confetture, ecc… A partire da Piazza Cavour e, poi, nel borgo alto (Piazza Stanze Operaie, Via Neri e via Tilli, e “Il grande Leccio”) mercato di antiquariato, collezionismo, vintage. Dal venerdì sera alla domenica, i giardini di via XX settembre accoglieranno “l’Osteria della trippa”, dove sarà possibile degustare il piatto tipico di Castelfiorentino e altre prelibatezze della cucina toscana.

“Con In/Canti e Banchi – sottolinea il Sindaco, Alessio Falorni – un’intera comunità è in festa, perché i castellani hanno saputo con il tempo farla propria formulando proposte, e lavorando attivamente alla loro realizzazione. A questo scopo, dalla scorsa edizione, abbiamo puntato molto creando il format della domenica dedicato agli artisti locali. 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »