energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Inceneritore Case Passerini, assemblea dei sindaci approva la convenzione Ambiente, Cronaca

FirenzeL’assemblea dei sindaci, riunitasi oggi 15 ottobre 2016, ha approvato la Convenzione fra ATO Toscana Centro, Quadrifoglio spa e Q.Thermo per la progettazione, costruzione e gestione dell’impianto di Termovalorizzazione. Vale a dire, per la costruzione del termovalorizzatore sito in località Case Passerini a Sesto Fiorentino. Quello contro cui ci fu una straordinaria mobilitazione a maggio scorso, con un corteo fiume cui parteciparono migliaia di persone, non solo i residenti dell’area. Scopo del corteo, dare un segnale popolare all’amministrazione regionale tutta, sulla volontà di perseguire un nuovo, alternativo e diverso metodo di gestione dei rifiuti. Lo stesso inceneritore, o termovalorizzatore, su cui nella scorsa campagna elettorale di Sesto Fiorentino si giocò la sconfitta del candidato “istituzionale” del Pd Lorenzo Zambini, a favore dell”antitermovalorizzatore” Lorenzo Falchi, della sinistra a sinistra del Pd. 

L’atto dell’assemblea, come si legge nella nota diffusa a seguito dell’approvazione,  “arriva al termine di un lungo percorso amministrativo. Merita ricordare l’ iter autorizzativo seguito, complesso, rigoroso e dettagliato, che si è dipanato lungo cinque anni a partire dall’esperimento della gara effettuata da Quadrifoglio per l’ottenimento dell’atto conclusivo di AIA (Autorizzazione Integrata Ambiente) nel novembre 2015. Un periodo caratterizzato da profondi cambiamenti legislativi ed anche del quadro di riferimento”. 

“La convenzione approvata puntualizza le modalità di regolazione del rapporto fra le parti interessate e consente anche di operare un riequilibrio economico e finanziario mantenendo la tariffa di accesso all’impianto coerente con quella emersa dalla procedura di gara svolta da Quadrifoglio, sfruttando la possibilità di utilizzare l’impianto nella sua interezza”. 

L’approvazione avvenuta in Assemblea questa mattina è un atto tecnico –  spiega il Presidente del Consiglio Direttivo di ATO Toscana Centro Alessia Bettini –  ma nello stesso tempo è un atto di forte responsabilità politica che conferma le scelte fin qui adottate per una gestione ottimale e praticabile in merito alla programmazione, organizzazione e controllo sull’attività del servizio di gestione dei rifiuti urbani”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »