energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Incidente in Tanzania: morti tre frati ed un volontario toscani Cronaca

«Profondo cordoglio e solidarietà alle famiglie ed alla congregazione dei cappuccini per la grande tragedia verificatasi in Tanzania, nella quale hanno perso la vita il volontario Andrea Ferri di soli trent’anni ed i frati cappuccini padre Luciano Baffigi, padre Corrado Trivelli ed padre Silverio Ghelli», ha dichiarato oggi, 23 novembre, il vice-presidente del Consiglio comunale di Firenze, Salvatore Scino. «Il dramma – ha continuato – ha colpito tutto il mondo del volontariato, seminando dolore e sconcerto. Il luttuoso evento ferisce in modo particolare, oltre che per la sua drammaticità, perché le vittime erano ad operare in Africa, in quella remota terra, per aiutare i più poveri e sofferenti». Ieri, 22 novembre, tre frati cappuccini ed un trentenne volontario hanno perso la vita in un tragico incidente stradale avvenuto a Dar Es Saalam, in Tanzania. La loro auto sarebbe sbandata ed uscita di strada per evitare un ragazzo che camminava lungo la carreggiata. Nel tragico scontro sono morti il frate sessantaquattrenne Luciano Baffigi (ministro provinciale dell’ordine dei Frati Cappuccini ed originario dell’isola del Giglio) ed i suoi due fratelli religiosi Corrado Trivelli (77 anni e di Livorno: segretario provinciale per le missioni) il missionario cappuccino padre Silverio Ghelli (73 anni e di Stia, in provincia di Arezzo), e Andrea Ferri, 30 anni, volontario, della parrocchia di Cerbaia. La terribile uscita di strada dell’auto sulla quale viaggiavano i tre religiosi ed il volontario ha causato la morte sul colpo di padre Silverio, che era alla guida, mentre gli altri tre passeggeri sono spirati durante il trasporto nell’ospedale di Dar es Salaam. Le quattro vittime erano tutte toscane ed i frati appartenevano tutte al convento cappuccino de La Pietà di Prato. Il gruppetto si stava recando a far visita ai confratelli nella colonia della Tanzania che da anni i Cappuccini pratesi gestiscono. «Sono profondamente addolorato per questa tragedia. – ha commentato il vescovo di Prato, Gastone Simoni – Voglio esprimere tutta la nostra partecipazione al dolore e alla preghiera dei frati cappuccini, colpiti tragicamente proprio nel loro storico, grande impegno missionario di solidarietà e di annuncio del Vangelo ai poveri in Africa. Prego perché il Signore dia ai padri Luciano, Corrado, Silverio e al giovane Andrea il premio eterno». La guida spirituale pratese si è quindi recato presso il convento de La Pietà per far sentire la sua vicinanza ai confratelli delle vittime del tragico incidente tanzanese.

Immagine: www.fraticappuccini.it
 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »