energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Indagine Artex, per il 70% degli artigiani fatturato ridotto di oltre il 60% Breaking news, Economia

Firenze – Il 90,2% delle aziende dell’artigianato artistico toscano ha registrato durante il lockdown una riduzione del fatturato. Il dato emerge da un’indagine, presentata oggi, realizzata da Artex-Centro per l’Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana in collaborazione con Fondazione Ricerca e Innovazione per la valutazione degli impatti della crisi  sul settore dell’artigianato artistico e tradizionale toscano. Sono intervenuti Leonardo Marras, assessore all’Economia e al Turismo della Regione Toscana, Giovanni Lamioni, presidente di Artex, Stefano Micelli, Università Ca’Foscari di Venezia e Sara Biagiotti, Responsabile Artistico e Tradizionale  Cna Toscana.

L’indagine si è svolta da metà giugno fino metà settembre 2020 coinvolgendo oltre un centinaio di attività toscane. Per il 70% degli intervistati la riduzione del fatturato durante il lockdown è di oltre il 60% rispetto allo stesso periodo del 2019, per il 14% si attesta tra il 41% e il 60% del fatturato e per l’8% degli intervistati è tra il 21% e il 40%. Solo il 4% del campione dichiara di non aver avuto una significativa contrazione. Oltre al calo di fatturato, il 73,5% degli intervistati lamenta anche una riduzione degli ordini, il 59,8%  il rinvio o la cancellazione di eventi programmati. Per quanto riguarda il rilancio del settore dell’artigianato artistico e tradizionale in Toscana, gli intervistati ritengono prioritari gli investimenti e il supporto in apertura di nuovi mercati anche internazionali (56,9%), l’accesso a misure agevolative pubbliche (51%) e al credito (38,2%).

“La stragrande maggioranza delle nostre aziende – commenta Giovanni Lamioni, presidente di Artex – lamenta un calo del fatturato, che in certi casi è un vero e proprio crollo che ne mette a repentaglio la sopravvivenza. La sfida del 2021 sarà quella di non lasciare indietro nessuno, e cercare di superare il prima possibile la fase più acuta di questa crisi economica. Per farlo, a mio avviso, sarà importante confidare anche negli strumenti digitali per cercare nuovi mercati di sbocco dei nostri prodotti e mettere in campo campagne di marketing puntuali ed efficaci”. Per Luca Giusti, presidente Confartigianato Imprese Toscana “l’enorme percentuale delle aziende che hanno subito drastiche riduzioni di fatturato sta a indicare come sia indispensabile fare sinergia con tutti gli organismi istituzionali, associativi e di qualunque appartenenza per mettere in campo azioni di supporto snelle e di facile accesso per la difesa del tessuto economico”.

“I dati di questa ricerca confermano, purtroppo, quanto stiamo dicendo ormai da mesi – commenta presidente di CNA Toscana, Luca Tonini –  la situazione dell’artigianato è drammatica e necessita di azioni coraggiose che siano di supporto per la difesa delle nostre eccellenze. Bene lo sviluppo di piattaforme digitali, soprattutto per la promozione e l’apertura a nuovi mercati, ma occorre puntare anche sullo sviluppo della formazione e su una sinergia con le istituzioni. A tal proposito stiamo lavorando sul territorio per la creazione di uno spazio condiviso, una “casa” per l’artigianato, che possa rappresentare un’occasione di visibilità e promozione del meglio dell’artigianato locale”

Un quadro che non stupisce, secondo l’assessore alle attività produttive regionale Leonardo Marras: “Il quadro tracciato dall’indagine di Artex ci mette di fronte ad una situazione molto complessa che da una parte non ci stupisce, perché l’intera economia è in ginocchio e io stesso mi confronto ogni giorno con imprenditori un po’ di tutti i settori in estrema difficoltà, dall’altra ci impone di guardare alla ripresa sia pensando a nuovi possibili strumenti da mettere a disposizione delle imprese, sia presidiando le scelte governative sugli indennizzi”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »