energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Indagine Coldiretti/Ixé: la metà dei giovani pronti ad emigrare Società

Roma –  L’emergenza disoccupazione è la priorità del 2015 per 2 italiani su 3. Una situazione ogni oltre ogni limite sopportabile: ben la metà dei giovani con la valigia in mano per lasciare il Bel Paese, fermo e che indietreggia giorno dopo giorno sul fronte del lavoro, per costruirsi un futuro.

“In un Paese vecchio come l’Italia la prospettiva di abbandono evocata dalla maggioranza dei giovani italiani è una perdita di risorse insopportabile se si vuole tornare a crescere”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo. La maggioranza dei giovani italiani (51%) è pronta ad emigrare per motivi di lavoro. E’ quanto emerge da una analisi Coldiretti/Ixe’ in riferimento ai dati Istat sul record di disoccupazione in Italia nel 2015. Tra i giovani under 35 italiani la percentuale di chi è disposto a lasciare il proprio Paese – sottolinea la Coldiretti – è piu’ alta per gli under 35 anni maschi (57%) rispetto alle giovani donne (45%) e raggiunge il picco massimo del 59% tra i 18-19 anni. La percentuale sale anche con il grado di istruzione e raggiunge il 55 per cento per i livelli alti. Non stupisce dunque che – prosegue la Coldrietti – occuparsi dell’emergenza lavoro dovrebbe essere la priorita’ del Governo secondo quasi due italiani su tre (il 61%) mentre il 20% indica invece la necessità di abbassare subito le tasse, mentre per il 13% è prioritario tagliare i costi della politica, secondo Ixe’. Il motivo principale che spinge i giovani a lasciare l’Italia  è – precisa la Coldiretti – il fatto che il 19% consideri  il Paese fermo in cui non si prendono mai decisioni, una percentuale del 18% punta il dito sulle tasse e il 17% chiama in causa la mancanza di lavoro a pari merito con la mancanza di meritocrazia.

Lavoro, disoccupazione record in Italia: +13,4%. Più del doppio della Germania

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »