energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Indennità responsabilità Palazzo Vecchio, Usb sul piede di guerra Società

Firenze – La denuncia parte dai rappresentanti dell’Usb-Rsu del Comune a fronte della secretazione degli atti di attribuzione dell’indennità di responsabilità prevista dal contratto collettivo decentrato (CCDI) firmato di recente fra le parti. Una secretazione che impedisce , secondo quanto spiega l’Usb comunale la trasparenza rispetto agli atti di assegnazione dell’istituto; in soldoni, dicono i sindacati, non si capisce “come l’istituto stesso sia stato attribuito ai singoli. In gran parte delle Direzioni – continua la nota – non si è provveduto neppure ad informare chi ha avuto l’indennità, infatti gli interessati lo hanno scoperto solo dal cedolino dello stipendio e peggio ancora nessuna motivazione è stata data agli esclusi che sono tantissimi”.

Inoltre, i sindacalisti lamentano la “totale discrezionalità dei Direttori e Dirigenti che in ogni Direzione hanno avuto comportamenti diversi e spesso contraddittori”. In altre parole, spiega l’Usb, “dipendenti che hanno le stesse funzioni e le stesse mansioni in Direzioni diverse o addirittura in stanze diverse, hanno avuto attribuzione di trattamenti economici totalmente diversi”.

Infine, i troppi dipendenti esclusi dall’attribuzione fanno pensare che il fondo, sebbene “inferiore rispetto agli anni precedenti”, non sia stato utilizzato con accortezza e “con sensibilità ai bisogni dei dipendenti”.

Così, “l’Amministrazione ha dimostrato ancora una volta la propria inaffidabilità in materia di relazioni sindacali”.

“Vogliamo ricordare – conclude la nota – che gli accordi si firmano, anche se con difficoltà, fra le parti e il rispetto degli impegni vale per entrambe. La nostra firma posta sul CCDI non è una firma posta su un foglio in bianco e pertanto o ci sarà il rispetto della dignità e dei diritti dei lavoratori o ci sarà il ritiro della nostra adesione al contratto sottoscritto”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »