energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Indiana Jones contro la Fiorentina Opinion leader

Ecco, quel tipo mi sembra la Fiorentina! Gesti perfetti, grande stile, attacco costante alimentato da un pressing alto di ottima scuola (ma quasi nessun tiro in porta). Poi il contropiede degli avversari, e il gol! La Fiorentina ha praticamente dominato le ultime tre partite giocate, e il risultato totale è 1 a 6, con l’unico gol segnato che è un’autorete. Lo dico con profondo dispiacere, più che con delusione, perché questo mi conferma che un certo tipo di calcio forse in Italia non si può giocare. Non è solo questione di top player che manca all’attacco “con le caratteristiche tecniche” adatte, come ha detto Montella. Tenere gli avversari nella loro area per tutta la partita, prenderli a pallonate, non paga, o almeno paga solo a un’estetica fine a se stessa.

Soprattutto quando alla prima distrazione, magari anche arbitrale, si è puniti in modo irreparabile e alla fine resta solo l’orgoglio di dire che “loro si sono difesi in nove in area!”. Era la frase fatta di Sacchi! Ma è davvero una constatazione di cui inorgoglirsi? Comincio a pensare che Montella debba essere più realista. Non si tratta di rivoluzionare la squadra, ma di allungarla, di creare degli spazi. Di rischiare un po’ di più (come contro il Siena), concedendo campo ma per procurarselo. E fossi in Montella proverei anche un 4-3-3 o un 4-4-2, non rinunciando al possesso palla e alla regia straordinaria dei nostri due insostituibili campioni, Borja e Pizarro, ma anche senza schiacciare con sei-sette uomini gli avversari nella loro area; che quando uno dei viola ha la palla nella trequarti finisce per avere davanti, a “difendere” l’area avversaria, anche i propri attaccanti.

Certo bisogna intervenire sul mercato. Non mi dispiace Larrondo. Anche se non sarà lui a risolvere il problema del gol, offrirà però sponde e spazi a chi viene da dietro in modo tecnicamente meno approssimativo del vecchio Toni. E mi piacerebbe molto Wolski subito, per avere dietro alla punta due fantasisti come JoJo (se si ricorda chi era) e come questo giovane polacco che ha qualità immense. A quel punto mi terrei Cassani, che potrebbe servire in una difesa a quattro. Disporrei il centrocampo con Quadrado-Pizarro-Borja Valero e terrei JoJo e Wolski dietro alla punta a svariare su tutto il fronte d’attacco (e a ripiegare a turno). Aumenterebbe la qualità del gioco, non vorrebbe dire difendersi (perché il centrocampo sarebbe di piedi buoni poco inclini alla vita da mediano), ma arretrerebbe quel tanto la squadra da far sì che il gioco possa verticalizzarsi e velocizzarsi di più. E dunque non aspetto dal mercato l’attaccante che comunque, non essendo Drogba, non risolverebbe alcun problema. Ma Wolski; costi quel che costi. Oltretutto, per far somigliare di più la Fiorentina a quel Catania che Montella ha saputo portare a livelli di gioco e di efficacia davvero mirabili.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »