energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Industria 4.0: patto per lo sviluppo fra Toscana e General Electric Economia

Firenze – Regione Toscana e General Electric hanno firmato un  protocollo d’intesa nel quale si concorda un tavolo tra Regione e GE per monitorare l’avanzamento del Progetto Galileo, il cui accordo di programma è stato firmato il 10 novembre scorso e investimenti per 600 milioni di euro.

I firmatari sono  Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana e il presidente di GE Oil & Gas – Nuovo Pignone, Massimo Messeri. Per presa visione ha firmato anche ol ministro della Sviluppo economico, Carlo Calenda.

“Per la Toscana è un investimento enorme che migliorerà le nostre aziende e il manifatturiero, che da noi è ancora molto forte- questo il commento di Rossi: “Chiederò al ministro Calenda di rafforzare l’integrazione tra Regione e Ministero dello sviluppo economico per attuare in Toscana il massimo delle politiche di innovazione industriale”.

Rossi era presente all’iniziativa organizzata a Firenze da Regione e General Electric, dedicata all’industria 4.0 alla quale ha partecipato il ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda. Il presidente ha annunciato che i prossimi bandi regionali per impiegare i fondi europei “saranno impostati sulla base degli standard di industria 4.0”.

“Insomma – ha aggiunto Rossi – il futuro industriale della Toscana promette tante novità che dovremo essere in grado di guidare perché questi processi producano, e non riducano lavoro e integrazione. In Toscana sono 35.000 gli occupati che hanno in qualche modo a che fare con la presenza di GE che qui da noi ha trovato un contesto favorevole al suo sviluppo. Si tratta di una presenza che vogliamo in ogni modo consolidare. Anzi, sono sicuro che questa presenza “stellare” di GE in Toscana si consoliderá, a partire dal nuovo sito di Piombino, con un risultato affatto banale, che la Regione ha favorito, predisponendo le infrastrutture adeguate”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »