energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Industria 4.0: “Pronti strumenti e risorse, imprese muovetevi” Economia

Firenze – Il governo regionale mette subito in campo strumenti e risorse, ora la palla passa alle imprese che vogliono modernizzarsi e digitalizzarsi per non essere escluse dalla nuova rivoluzione produttiva dell’industria 4.0.

Questo il messaggio che ha lanciato oggi l’assessore allo Sviluppo economico Stefano Ciuoffo, in modo chiaro e determinato. Non è più tempo per nessuno di stare a discutere ma bisogna agire. Da parte di palazzo Strozzi Sacrati è stata ultimata la fase di organizzazione di un “cruscotto” toscano dell’innovazione, una piattaforma che fa da coordinamento del sistema pubblico delle competenze e supporto delle imprese per il trasferimento dell’innovazione tecnologica e la formazione tecnica superiore.

Sul tavolo, con i bandi già pronti per la distribuzione (primi di luglio) , ci sono poi 51 milioni per le micro, piccole e medie imprese (professionisti compresi). Attenzione, si tratta degli ultimi fondi ottenibili grazie ai fondi europei e dunque le imprese stiano attente a non perderli. Di questi 18,5 milioni andranno a progetti di ricerca e sviluppo e 32,8 puntano a sostenere e incrementare gli investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili di accompagnamento dell’impresa nei processi di riorganizzazione indotti dalla integrazione di tutte le tecnologie che garantirà un grande flusso di dati. I fondi per progetti strategici di ricerca e sviluppo verranno concessi in conto capitale, quindi a fondo perduto. Gli aiuti agli investimenti, invece, avranno la forma di fondo rotativo e di microcredito  con una durata di sette anni.

Il punto essenziale di tutta la grande trasformazione dell’Industria 4.0 sta nel riuscire a mettere in rete direttamente collaborativa le competenze universitarie (oltre mille docenti e ricercatori specializzati) , le infrastrutture per il trasferimento tecnologico (250, di cui 100 già in grado di offrire servizi e prodotti specifici. A questo penserà la Piattaforma composta da: il distretto regionale Industria 4.0, un Advisory Board, una task force d consulenti presieduta dall’Iroet e il Regional Competence Center, una rete di competenze regionali di 15 università e centri di ricerca.

La macchina ha detto Ciuoffo è pronta a partire e comincerà a produrre subito una serie di iniziative per sensibilizzare le imprese e far loro conoscere le potenzialità delle tecnologie che sono la condizione per il nuovo sistema produttivo.

L’infografica è di Wikipedia

Print Friendly, PDF & Email

Translate »