energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Infermiera taglia il cavo del supporto ventricolare ed il paziente muore Cronaca

Qualche mese fa si era sottoposto ad un intervento per l’applicazione del Vad (Venticular assstement device), un dispositivo di supporto ventricolare, presso l’ospedale San Raffaele di Milano. Ieri, 20 marzo, il sessantanovenne cardiopatico ha però trovato la morte all’ospedale del Ceppo di Pistoia. Secondo una prima ricostruzione degli inquirenti, che indagano sul decesso dell’anziano, questi sarebbe giunto al Pronto Soccorso dell’ospedale pistoiese con difficoltà respiratorie e scompensi cardiaci. Secondo quanto previsto dal protocollo, un’infermiera avrebbe provato ad inserirgli il catetere. Durante questa operazione, però, la stessa infermiera, nel  tentativo di tagliare i pantaloni dell’anziano, avrebbe accidentalmente reciso con delle forbici un cavo del macchinario che teneva in vita il sessantanovenne. I tentativi di rianimarlo sono stati vani ed al momento il dispositivo di supporto ventricolare è all’analisi della polizia scientifica per cercare di capire se sia stato il distacco del suo cavo a causare la morte del sessantanovenne. La Procura di Pistoia, intanto, ha già aperto un’inchiesta per omicidio colposo, mentre la Asl di Pistoia ha attivato un’indagine interna per fare chiarezza sulle causa della morte del sessantanovenne ed il pubblico ministero pistoiese ha deciso l’autopsia.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »