energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Inizia la scuola: tablet in spalle! Internet

La Brookfield High School nel Connecticut e la Burlington High School di Boston hanno deciso da quest’anno di sostituire i pesanti zaini colmi di libri con la leggera tavoletta piena di testi e software didattico preinstallato e secondo Apple sono più di 600 i distretti scolastici che adotteranno iPad.
Il preside Larkin della Burlington giudica un ottimo investimento i 500$ spesi in un iPad school-oriented. Dichiara, parlando dei libri di testo: "Non voglio generalizzare, perché non voglio insultare persone che stanno lavorando duramente a queste risorse, ma un libro scolastico diventa praticamente obsoleto nel momento in cui viene stampato e ancor più alla sua consegna. iPad offrirà ai nostri ragazzi la possibilità di utilizzare materiali molto più rilevanti e aggiornati."
Gli applicativi già pronti sono molti: programmi interattivi per dimostrare la soluzione dei problemi in matematica, notepad per prendere appunti, atlanti multimediali, agende, strumenti per le lingue. Gli studenti hanno poi la possibilità di inviare immediatamente i quiz e compiti agli insegnanti e l’opportunità di visualizzare video o tutorial.
I tablet sono già particolarmente diffusi nel settore dei servizi di educazione speciale, per i bambini con disturbi dello spettro autistico e difficoltà di apprendimento, e per coloro che apprendono meglio quando qualcosa è spiegato con immagini, non solo attraverso la parola.
Agli Stati Uniti seguono altri esempi. Tanti. Ne cito solo due.
Quattro licei di Singapore hanno dato forma ad un progetto importante: sostituire l’intero parco dei libri di testo con un Apple iPad. Tale progetto ha avuto un costo di circa 100.000$ e ha visto come risultato la fornitura di 140 dispositivi per gli studenti e una decina di iPad per i docenti.
Alcuni rumors in Internet riportano che in Turchia il governo sta pensando ad un investimento per 15 milioni di tablet per gli studenti per i prossimi 3 anni. 
Sono voci…ma testimoniano il fatto che l'idea dello “zaino leggero” sta prendendo campo ovunque.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »