energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Insulti razzisti e minacce di morte per il cugino di Antonella Bundu Breaking news, Cronaca, Società

Firenze – Un ragazzo nero, un gruppo di ragazzi che gli chiedono cosa guarda con aria di sfida. Poi offese razziali e minacce di morte. No, non è l’ennesimo film americano sul razzismo: siamo a Firenze, nei pressi della Fortezza da Basso, alla fermata del tram. A raccontare quel che è successo, la candidata della sinistra Antonella Bundu, in un post su Facebook. Quel ragazzo è suo cugino. E si legge anche che un “signore italiano” ha preso le sue difese, dicendo agli aggressori che “le merde erano loro”. I carabinieri, chiamati a telefono, non sono arrivati ma hanno richiamato chiedendo al cugino della candidata sindaca se “avesse ancora bisogno”.

“Purtroppo episodi come quello accaduto stamani a mio cugino si stanno ripetendo con una frequenza preoccupante – dice Antonella Bundu – anni fa capitò anche a me. Fu una donna ad apostrofarmi come ‘negra di merda’, e io la denunciai facendola condannare in tribunale. Ma in quel caso non accadde alla presenza di altre persone. Adesso c’è chi non si vergogna più a dire cose simili anche in pubblico”.
“Spero che le tante telecamere fatte installare in città dal sindaco Nardella servano almeno a individuare i responsabili ma non è certo quello il modo di arginare il clima di intolleranza che si sta diffondendo sempre più anche a Firenze, come nel resto del paese”, ha aggiunto. “La sicurezza e la tolleranza non si promuovono con le telecamere ma con risposte culturali vere e impegni concreti”.
“Gravissimo quanto successo al cugino di Antonella Bundu. Siamo pronti a mettere a disposizione delle forze dell’ordine le immagini registrate dalle telecamere del Comune”, è l’immediato intervento del sindaco Dario Nardella, a commento della notizia.

“Firenze è una città aperta, civile e plurale – ha continuato Nardella -, questi gesti non appartengono alla nostra storia e alla nostra cultura”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »