energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Internet Festival 2014: a Pisa quattro giorni di digital life Internet

Firenze – Internet Festival 2014  chiede la conferma di essere ormai diventato una delle grandi kermesse nazionali come il Festival dell’Economia di Trento o a quello di Letteratura di Mantova. A scorrere il programma della manifestazione che si svolgerà a Pisa dal 9 al 12 ottobre (“Forme di Futuro”, il titolo) e a sentire le dichiarazione di intenti di chi lo ha promosso, non mancano certo le ambizioni e e l’impegno organizzativo. Ne sono la prova la stessa imponente presenza di sponsor e di partner di vario genere degli organizzatori fra i quali i più importanti sono la Regione Toscana (con grande spiegamento di forze), la città di Pisa, la principale “smart city” toscana, le tre università  e scuole superiori di Pisa, il Cnr, la Fondazione Sistema Toscana.

Un po’ troppo ambizioso il claim “la rivoluzione digitale parte dalla Toscana” e sarebbe stato meglio parlare di seconda o addirittura di terza rivoluzione, dato che dalla pubblicazione di “Being Digital” di Nicholas Negroponte sono passati quasi venti anni. Ma ci sono anche definizioni più azzeccate come “Economia della conoscenza e della reputazione” e, soprattutto, merita un viaggio a Pisa il concetto generale del Festival, basato sulla condivisione, la partecipazione, l’interattività nella sua accezione più avanzata. Così come siamo tutti curiosi di vedere le grandi installazioni: “Mothergreen, i giardini dell’hardware”, con la quale il Ponte di Mezzo di Pisa diventerà una scheda madre di un personal computer con i componenti principali ricostruiti attraverso aree verdi; “Geoide”, una tensostruttura in Piazza dei Cavalieri, centro di incontri ed eventi.  Dell’allestimento fa parte anche “Typing Design”, una mostra del design che parte dalla Lettera 22 Olivetti fino all’Iphone Apple.

internetfestival3

Entrando più nel merito degli appuntamenti e delle novità, il programma è talmente denso che è difficile proporre una selezione significativa. Limitiamoci per il momento a segnalare tre applicazioni tecnologiche innovative. Jos Technology, spin-off dell’Università di Pisa, ha prodotto un sistema per la ricarica senza cavi di prodotti elettronici.  Laqy è un dispositivo intelligente in grado di tenere sotto controllo il livello di inquinamento indoor grazie a una serie di sensori. Pleiade, infine, è un sistema per la gestione di dati clinici dei pazienti ospedalieri. Il paziente ha a disposizione un’applicazione web e mobile, Elis, con la quale consulta i propri dati e prenota prestazioni.

Nelle otto aree tematiche organizzate sulla parole chiave “materia”, cioè il “combustibile” della rivoluzione digitale, si incrociano eventi che appaiono interessanti. Ne segnalo alcuni. Bootstrap Startupitalia mette in contatto giovani protagonisti dell’innovazione con 20 professionisti del settore, anche possibili investitori, con i quali potranno scambiare opinioni su come far diventare un successo la loro idea. Saranno formati quattro tavoli di lavoro con giornalisti, direttori di marketing, responsabili web etc. Non deve essere male neanche la giornata di dialogo fra filosofia e tecnologia con Giulio Giorello, Giacomo Marramao e Remo Bodei. Fra gli eventi ai quali l’assessore regionale ai sistemi informativi e  alla partecipazione Vittorio Bugli tiene in particolar modo è l’hacketon civico #HackToscana: sviluppatori, designer, project manager si cimenteranno nella creazione di prototipi a supporto delle politiche regionali.

Segnaliamo infine alcune intelligenti sinergie culturali, sottolineate dall’assessore alla Cultura Sara Nocentini e cioè la stretta correlazione del festival con la Settimana della Cultura (9-19 ottobre) e con il Forum mondiale dell’Unesco (2-4 ottobre): “la riflessione sulla cultura –  ha detto – deve essere collegata con gli strumenti che la comunicano”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »