energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Internet Festival a Pisa, si parte con uno straordinario flashmob Internet

Pisa – La grande festa di Internet che si celebra a Pisa prenderà il via oggi alle 15. E lo farà con un momento di grande impatto emotivo, visivo e sensoriale tout court: un flashmob sul Ponte di Mezzo che vedrà  protagonisti venti ballerini di “Italy Dance Village” che animeranno le due sponde del fiume con una battaglia interattiva seguendo le note dei suoni creati dai loro movimenti e amplificati grazie a un sistema hi-tech.

A seguire, taglio del nastro per l’installazione “Iper Spazio”, curata dell’architetto Luigi Formicola, e presente su Ponte di Mezzo per tutta la durata del festival. Ed ecco di cosa si tratta: 13 ambienti, rappresentati da sette cubi e sei spazi verdi, collocati in successione a formare quello che sarà un vero e proprio invito, rivolto ai cittadini pisani e ai visitatori del festival, a sperimentare un viaggio esperienziale. Le vie del centro storico di Pisa si trasformeranno in un itinerario alla scoperta della storia dell’informatica: grazie alla collaborazione con la Confcommercio di Pisa, infatti, 21 negozi del centro ospiteranno alcuni pezzi della collezione del Museo degli Strumenti del Calcolo di Pisa. In Borgo Stretto, inoltre, campeggeranno striscioni con le frasi famose di alcuni scienziati, politici, storici e filosofi della storia della scienza, tra cui Albert Einstein, Antonio Spadaro, John Fitzgerald Kennedy, Isaac Asimov, Primo Levi, Tullio Regge, Rita Levi Montalcino, Giuseppina Tripodi, Arthur Bloch, Linus Torvalds, Nicholas Negroponte, Grace Hopper, Steve Jobs, Mafe de Baggis, Federico Faggin. 
A seguire prenderanno il via tutte le sezioni del #IF2015. 

A Teatro Lux (piazza Santa Caterina) si parte alle ore 11 con un panel dal titolo “Il diritto d’autore nell’era di Internet” alla presenza di Mario Bonafè, Patrizio Menchetti e Giangiacomo Olivi, moderati da Claudio Giua (giornalista e direttore di Internet Festival); alle 15.30 in programma l’incontro “Internet e Pubblica Amministrazione: PA digitale, è davvero la volta buona?” con Vittorio Bugli (Regione Toscana), Marco Filippeschi (sindaco di Pisa), Rita Forsi (direttrice di Iscom), Furio Honsell (sindaco di Udine), Domenico Laforenza (direttore IIT-CNR) e Anna Masera (giornalista e responsabile comunicazione camera.it), moderati da Ernesto Belisario (avvocato e docente di diritto amministrativo e delle tecnologie). 

Alla Stazione Leopolda (piazza Guerrazzi) si parte alle 16.30 con “Headphone Generation”, un incontro dedicato alla musica in streaming e alla generazione che va in giro con smarthphone e cuffie alle orecchie. Alle 17.30 si terrà il panel dal titolo “I computer possono comprendere lo stile musicale?” con il guru Francois Pachet che presenterà i risultati ottenuti dal suo team di ricerca nell’acquisire, modellare e sfruttare lo stile in vari tipi di produzione musicale. Alle ore 18 l’artista Vahakn Matossian sarà il protagonista di “Tutti meritano la musica” un intervento dedicato ai modi in cui le persone che non hanno l’uso di mani o braccia possono fare musica. 

Come creare un videogioco sarà il tema chiave degli incontri in programma al Mixart (via Bovio): alle 15 prendono il via il workshop pratico con Alessandro Salute (Event Horizon) e l’incontro “Games in Tuscany”, un viaggio nell’universo videogame in Toscana con Andrea Benassi, Emilio Cozzi e vari ospiti. Per tutta la giornata sono previsti showcase nel corso dei quali sarà possibile provare i prodotti delle software house. 

All’SMS Centro Espositivo (via San Michele degli Scalzi) la prima giornata del festival parte alle ore 16 con “Glocal Design”, un workshop di progettazione sul tema dei prodotti legati alle diverse culture come concetto, ma concepiti per essere fabbricati e distribuiti globalmente. A condurre il workshop il designer cinese Yi Xiao (Chair Professor, School of Architecture & Art, Beijing Jiaotong University e Director of Mass Design Studio). 

Nel primo giorno di festival da non perdere la City Track Run, corsa notturna per team composti da 5 persone (si parte dalle Logge dei Banchi alle 20). Vincerà la squadra che certificherà il passaggio in tutti i luoghi di #IF2015 nel minor tempo possibile. Un device satellitare proietterà tutte le linee di corsa delle squadre su un maxischermo. 

Tre i concerti della prima serata targata #IF2015 che trasformeranno la Stazione Leopolda in una macchina del tempo musicale. Si parte alle ore 21 con le sonorità futuristiche di Dream Koala, producer e musicista francese dal talento straripante che a soli 19 anni è capace di ipnotizzare utilizzando una chitarra e un pad SP-404; si proseguirà con Koreless, il sound di uno dei più originali protagonisti della scena elettronica contemporanea, proveniente dal Regno Unito, per tornare alla storia di Dj Food, storico membro della Ninja Tune e indiscusso pioniere dell’arte del djing, artefice di un mix di dub, trip hop, techno, ambient, e jungle. Warm up con Andrea Mi. 

E per finire due appuntamenti culturali: la presentazione del libro Etica dell’Acquario, un’inchiesta su un misterioso suicidio fra le vie della città e i collegi della Scuola Normale; con l’autrice Ilaria Gaspari (Libreria Ghibellina, ore 18); e la proiezione del documentario I pirati dello spazio di Alessandro Bernard, Enrico Cerasuolo e Paolo Ceretto, che racconta la storia dei due geniali fratelli Achille e Giovanni Battista Judica Cortiglia e del loro avveniristico centro di ascolto spaziale nella Torino anni 50 (Cineclub Arsenale, ore 20.30). 

Naturalmente ricchissimo il calendario dei workshop e laboratori della sezione T-Tour, ospitati nella Cittadella Galileiana che riapre dopo un lungo restauro e che si trasforma, per l’occasione, nel cuore educativo e formativo di #IF2015. Tutti gli eventi T-Tour sono gratuiti sino a esaurimento posti; la prenotazione è consigliata ai visitatori singoli e obbligatoria per le scuole e i gruppi numerosi. E’ possibile prenotare via web seguendo le indicazioni relative a ciascun evento riportate sul sito www.internetfestival.it. 

E da oggi, giovedì 8 ottobre, sarà possibile visitare tutte le mostre di #IF2015: 

A occhi aperti: sguardi d’autore sul .it (Teatro Lux): mostra fotografica, realizzata da H-Art per Registro .it, che racconta le eccellenze italiane dell’agroalimentare che hanno scelto il dominio .it. 

64 Mania: il C=64 e i “computer da casa” della Commodore (Museo degli Strumenti per il Calcolo): mostra dedicata al ‘principe’ degli home computer: il Commodore 64. A cura di Giovanni A. Cignoni. 

Radiografia della gastronomia moderna (Stazione Leopolda): due fotografi d’eccezione, Bob Noto e Lido Vannucchi, per un viaggio nel mondo della gastronomia moderna. 

L’informatica dalla A alla Z (nei negozi del centro storico): un viaggio nella storia di una scienza giovane, ma ormai fondamentale e decisiva. A cura del Museo degli Strumenti del Calcolo. Da segnalare, infine, Sonic Space #05, un’installazione sonora a cura di Elisabetta Senesi, basata sull’ascolto di registrazioni audio ambientali ed un sistema fisico interattivo progettato appositamente per lo spazio. Il pubblico viene coinvolto nella co-creazione dell’opera (08/10, area Ex-Macelli e Stallette / Giardino Esterno – Museo Degli Strumento per il Calcolo). 

IF2015 è promosso da Regione Toscana, Comune di Pisa, Registro.it e Istituto di Informatica e Telematica del Cnr, Università di Pisa, Scuola Superiore Sant’Anna, Scuola Normale Superiore insieme a Camera di Commercio, Provincia di Pisa e Associazione Festival della Scienza. Il direttore del Festival è Claudio Giua, presidente di Fondazione Sistema Toscana. Il coordinamento è affidato ad Adriana De Cesare per Fondazione Sistema Toscana. Anna Vaccarelli (IIT-CNR) e Gianluigi Ferrari (Università di Pisa) coordinano rispettivamente il comitato esecutivo e scientifico.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »