energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Internet sicuro: piano di vigilanza contro il cyberbullismo Cronaca, Internet

Prato – Ricorre oggi la sedicesima edizione del Safer Internet Day la giornata mondiale per la sicurezza on-line istituita dalla Commissione Europea e che si celebra in oltre 100 paesi del mondo. Una data scaturita soprattutto dalla necessità  di sensibilizzare gli adulti ad un uso consapevole e responsabile della rete per venire incontro alle esigenze dei ragazzi che sempre più in tenera età “navigano”  in internet senza conoscerne i pericoli.

Ospite qualche giorno fa a Prato al Convegno sul Terzo Settore organizzato dall’International Kiwanis Club il professore  Giancarlo Pavano docente ed esperto di bullismo e cyberbullismo, fenomeni allarmanti e sintomi di disagio giovanili.
Lei è anche autore  del libro “ La scuola che sogno”, come mai questo titolo? 
«Ho chiamato così questo mio lavoro perché da docente, la scuola che immagino e che vorrei è quella capace di ascoltare e far risuonare la voce di chi è fragile e “diverso”; un luogo in cui si possano risolvere i conflitti rispettando le regole. Una scuola che riesca a rendere i nostri figli “abili  alla vita”.»
Com’è a suo parere la realtà  scolastica italiana riguardo al fenomeno del bullismo e cyberbullismo?
«In Italia abbiamo ideato un protocollo il PIOS (Protocollo Integrativo Organizzativo a Scuola), insieme alla dottoressa Adriana Battaglia e al generale in congedo Luciano Garofano che intende fornire agli insegnanti  e al personale scolastico un’adeguata formazione didattico-metodologica qualora si trovino dinanzi a situazioni critiche di bullismo e cyberbullismo. Una serie di strumenti operativi ed organizzativi e non solo teorici per i docenti. Diciamo che stiamo lavorando sul territorio nazionale perchè sempre più scuole lo adottino,ma non è semplice.»
Intanto però si parte…
«Dopo anni di seminari formativi, convegni informativi molto utili ma non in grado di trasmettere modalità operative ed organizzative ai docenti, trasmissioni televisive, articoli sui giornali e post di sensibilizzazione sui social, nasce nel 2017  il “PIOS”. Si tratta di coinvolgere efficacemente il personale scolastico, lo psicologo della scuola, le famiglie, gli studenti e il territorio nella prevenzione e contrasto ai fenomeni di microbullismo, bullismo, cyberbullismo, dispersione scolastica. Mettere finalmente l’educazione al centro dell’apprendimento; accrescere la sensibilità all’agire nell’immediato del personale scolastico per impedire il microbullismo, l’origine del bullismo.
Posso dire che finalmente si è passati al “fare”.»
È in questo contesto che lei parla  di  “un’alleanza educativa?”
«Sì è un piano di lavoro ed intervento che coinvolge i diversi attori del fenomeno, applica  la legge 71/2017, le Linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto al bullismo e cyberbullismo e le disposizioni contenute all’interno della piattaforma Generazioni Connesse. Esso si basa sulla “prevenzione” per impedire sul nascere il microbullismo, l’origine del bullismo e sul “contrasto”ovvero regolamentare e mettere fine a quei fenomeni di microbullismo, bullismo e cyberbullismo attraverso sanzioni disciplinari commisurate alle infrazioni commesse dagli studenti.»
Quali sono le finalità del PIOS?
«Soprattutto  il recupero del bullo e la messa al bando dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo ad esso connessi; una fase che  è necessario sostenere, agevolando il più possibile il dialogo tra la vittima, i compagni di classe e l’adulto di riferimento. Si tratta di offrire una serie di soluzioni rapide garantendo  la privacy degli studenti, tutelando e valorizzando  il ruolo del personale scolastico. Un lavoro ad ampio raggio  per rendere efficaci ed operativi i progetti educativi nella scuola e nella società,rafforzando i contatti con le famiglie e collaborando con le agenzie educative del territorio.»
Un progetto importante ma le scuola di oggi sono pronte?
«Purtroppo nelle scuole, tranne che in rari casi, non c’è quell’interesse a cogliere questo disagio. Basterebbe mettere la parola fine al primo manifestarsi  di quel fenomeno che chiamiamo microbullismo riconoscibile da tutta una serie di atteggiamenti legati ai gesti e al linguaggio non verbale ( risolini, spinte tra compagni, occhiatine, sgambetti).
Sarebbe auspicabile che nelle scuole ci fosse uno spazio educativo dove docenti specializzati, “le sentinelle” possano far capo al Dirigente Scolastico e al referente di cyberbullismo; il ricorso ad un piano di vigilanza antibullismo con la piena collaborazione delle famiglie, e infine la creazione di un sito web della scuola con una sezione dedicata al bullismo e cyberbullismo a cui i genitori possano accedere senza difficoltà. Ma quello che mi piace sottolineare è il lavoro che in primis gli insegnanti sono chiamati a svolgere, ovvero rendere quanto più è possibile un clima sereno in classe. Perché oggi non basta più conoscere la materia di insegnamento. Si parte soprattutto da qui.»
In foto da sinistra G.Pavano, A. Battaglia, L.Garofano 
Print Friendly, PDF & Email

Translate »