energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Istat: cresce l’occupazione nel secondo trimestre Economia

Firenze – “Nel secondo trimestre 2016 gran parte degli indicatori sul mercato del lavoro continuano a segnare un miglioramento. L’input di lavoro utilizzato complessivamente dal sistema economico (espresso dalle ore lavorate di Contabilità Nazionale) registra aumenti dello 0,5% su base congiunturale e del 2,1% in termini tendenziali”. Lo afferma il report dell’Istat reso noto oggi.

L’occupazione stimata dall’indagine sulle forze di lavoro è pari, al netto degli effetti stagionali, a 22 milioni 786 mila persone, in robusto aumento rispetto al trimestre precedente (+0,8%, 189 mila). Il tasso di occupazione sale di 0,5 punti, soprattutto per i 15-34enni (+0,8 punti) e per i 50-64enni (+0,6 punti).

L’aumento congiunturale degli occupati, con diversa intensità, riguarda tutte le posizioni lavorative: i dipendenti a tempo indeterminato (+0,3%, 46 mila), quelli a termine (+3,2%, 76 mila) e gli indipendenti (+1,2%, 68 mila). A livello territoriale, l’aumento è maggiore nel Mezzogiorno (+1,4%) in confronto al Centro (+0,8%) e al Nord (+0,6%).

Il tasso di disoccupazione, dopo la stabilità nei due trimestri precedenti, diminuisce in misura lieve (-0,1 punti) attestandosi all’11,5%; il tasso di inattività 15-64 anni continua a diminuire in misura più consistente (-0,5 punti rispetto a -0,2 e -0,1 punti nel primo 2016 e nel quarto 2015).

Le posizioni lavorative dipendenti nelle imprese industriali e dei servizi sono aumentate dello 0,3% su base congiunturale e del 3,2% su base annua; nell’insieme il monte ore lavorate è cresciuto rispettivamente dell’1,1% e del 5,0%, le ore lavorate pro capite dello 0,2% e dell’1,3%. Ciò è avvenuto anche grazie alla discesa delle ore di cassa integrazione (Cig) da 17,7 a 12,5 per mille ore lavorate. Le posizioni in somministrazione aumentano del 4,1% in termini congiunturali e del 2,8% su base annua.

Il tasso di posti vacanti nelle imprese con almeno 10 dipendenti cala di 0,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente mentre rimane invariato su base annua.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »