energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Italia sottotono, Verratti pareggia i conti nel finale Sport

Si chiude con un pareggio il primo test del 2013 per l’Italia di Prandelli. Prestazione sottotono degli azzurri che possono essere più che contenti per il risultato ottenuto, che sfata inoltre il tabù amichevole. Gli azzurri infatti erano reduci da cinque sconfitte consecutive. Ma risultato a parte non mancano le delusioni. Su tutte la prova incolore della coppia rossonera El Shaarawy-Balotelli, un po' come per tutto l'11 iniziale, fatta eccezione per capitan Buffon autore di 2-3 parate di grande livello.

Primo tempo. Avvio di gara molto tattico, l’Olanda pressa forte e l’Italia cerca le giuste misure. I padroni di casa, come previsto da Prandelli, giocano come se non fosse un'amichevole e dopo un quarto d’ora costruiscono le prime due palle gol. Entrambe con Maher che al 17’ e al 25’ costringe Buffon a due interventi tutt’altro che semplici. L’Italia non reagisce e così la squadra di Van Gaal continua a premere, fino a trovare la rete del vantaggio poco dopo la mezz’ora. Minuto 33’, palla in area per Lens che ha tutto il tempo di controllare e calciare al volo trafiggendo l’incolpevole Buffon. Lo svantaggio sveglia gli Azzurri, che tentano subito una reazione. Il finale di tempo dell’Italia è incoraggiante, anche se non arrivano vere e proprie palle gol. Soltanto un paio di incursioni sulla fascia, di El Shaarawy e Abate, creano qualche grattacapo alla retroguardia orange.

Secondo tempo. La ripresa parte come la prima frazione: Olanda molto più attiva degli Azzurri. L’Italia infatti continua a faticare a creare gioco, e il nervosismo traspare dal comportamento di Super Mario che scaglia una pallonata contro i tabelloni pubblicitari. Neanche i cambi vivacizzano la manovra azzurra, i padroni di casa non hanno motivo di alzare il ritmo di gara e mantengono senza troppe difficoltà il possesso palla, continuando inoltre a rendersi pericolosi. Al 20’ Strootman spara un violento sinistro da fuori area che fa la barba al palo; mentre al 25’, sempre con una conclusione dalla distanza, è Lens a chiamare ancora una volta in causa Buffon autore di un’altra grande parata. Come nel primo tempo l’Italia reagisce nella parte finale della frazione, e parte alla ricerca del pari. Inizia Osvaldo che prima di testa al 38’, e poi di piede al 41’ manca per poco il pareggio. Gli azzurri acquistano fiducia e quasi allo scadere creano una grande palla gol sempre con il romanista, che ancora di testa, su cross di Abate, sfiora di un soffio la rete.

Recupero. Iniziano i tre minuti di recupero e per l’Italia sembra finita, ma proprio all’ultima vera occasione arriva l’ormai insperato pareggio. Palla in area, sponda di Gilardino e sinistro vincente di Verratti che trafigge Krul e firma il definitivo 1-1.

OLANDA (4-3-3): Krul, Janmaat (40’ st Van Rhijn), De Vrij, Martins, Blind, Claise (1’ st De Guzman), Strootman, Maher, John (15’ st Kuyt), Van Persie (1’ st Robben), Lens. A  disp: Vermeer, Mathijsen, Van Ginkel, Vlaar
Allenatore: Van Gaal

ITALIA (4-3-3): Buffon, Abate, Barzagli (30’ st Ranocchia), Astori, Santon, De Rossi (16’ st Verratti), Pirlo (1’ st Florenzi), Montolivo, Candreva (1’ st Diamanti), Balotelli (16’ st Osvaldo), El Shaarawy (26’ st Gilardino). A disp: De Sanctis, Sirigu, Gastaldello, Peluso, Giaccherini, Nocerino
Allenatore: Prandelli

RETI: 33’ pt Lens, 46’ st Verratti

Foto: http://blog.guerinsportivo.it/blog/2012/11/15/lanno-che-verratti/

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »