energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

ItforItaly, l’app che protegge il made in Italy nasce in Toscana Innovazione

Firenze – La app sarà disponibile a partire dal 1 maggio, in concomitanza con l’apertura di EXPO 2015, ma le aziende possono già registrarsi e inserire i propri prodotti e le proprie caratteristiche distintive. Così comincia a diventare attiva la piattaforma web, social e app, che è stata presentata oggi alla Tenuta Ruffino Poggio Casciano a Bagno a Ripoli e che ha come obiettivo quello di mettere in contatto consumatori e aziende, smascherare gli alimenti stranieri o comunque non garantiti che si fregiano di nomi italiani. Parole chiave per ItforItaly, la start up toscana che ha lanciato il sistema di “difesa” del consumatore e delle aziende made in Italy. Un sistema che utilizza etichetta, barcode, app, web e social, tutti network che sono già patrimoni delle aziende e del consumatore, e, connettendoli, realizza un ecosistema di informazioni unico e imprescindibile.

 Ma ecco il funzionamento in breve: alle aziende basterà registrarsi per poter pubblicare informazioni e dettagli sulla propria storia, le proprie caratteristiche distintive e autentiche e notizie sui propri prodotti. Ai consumatori, una volta scaricata l’app, sarà sufficiente inquadrare il barcode del prodotto per accedere a tutte le info inserite dall’azienda. Non solo, ItforItaly, grazie a partner riconosciuti e specializzati, offre alle imprese un ulteriore step di certificazione, oltre all’autocertificazione con cui si iscrivono e descrivono sulla piattaforma.

Questo significa che con un click da smartphone il consumatore potrà decidere in tempo reale cosa mettere nel carrello e cosa no, cosa intende gustare e cosa preferisce non provare perché non affidabile. Il servizio, ovviamente senza frontiere, sarà utile per le aziende per poter difendere i propri prodotti anche oltreconfine, dove l’imitazione del made in Italy fa concorrenza sleale alla reale produzione in arrivo dal nostro Paese. In questo caso infatti sarà lo stesso consumatore a segnalare i prodotti sospetti, che verranno poi analizzati da una struttura investigativa collegata a ItforItaly.

 Il secondo step sul mercato estero prevede iniziative commerciali che permetteranno di mettere in contatto le aziende italiane con le strutture distributive per poter “riempire gli scaffali” lasciati vuoti dai prodotti-frode.

 ItforItaly nasce a maggio 2014, è stata poi “incubata” all’interno di Sviluppo Toscana ed ha presentato un progetto ambizioso a INVITALIA Spa, ottenendone con grande soddisfazione l’approvazione ed un finanziamento utile a coprire parte delle spese di avviamento. La app sarà dunque disponibile a partire dal 1 maggio, ma le aziende possono già registrarsi e inserire i propri prodotti e le proprie caratteristiche distintive.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »