energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Jonathas e Celik stendono la Fiorentina, brutto ko per Pizarro Sport

 Nel giorno dell'Epifania la serie A rientra nel vivo e la Fiorentina ospita all'Artemio Franchi di Firenze il Pescara di mister Bergodi, che prima dello stop per le feste natalizie era riuscita nell'impresa di battere il Catania e ad allungare un po' sulla zona retrocessione. I ragazzi di Vincenzo Montella hanno l'obiettivo di vincere per iniziare l'anno nel migliore dei modi e per allungare in classifica, sfruttando gli altri incontri previsti per l'ultima giornata d'andata, infatti l'Inter a mezzogiorno ha perso 3 a 0 ad Udine ed in serata l'incontro di cartello sarà Napoli Roma. La strada per la Fiorentina sembra spianata anche dalle assenze importanti che costringono mister Bergodi a ridisegnare la formazione titolare, gli assenti del Franchi saranno: Cosic, Zanon e Vukusic, assenti per infortunio, e Quintero, impegnato con la propria nazionale. La Fiorentina inizia subito forte, al 2' minuto rischia di passare subito in vantaggio, Cuadrado serve sul filo del fuorigioco Toni, che con Perin in uscita non riesce a superare l'estremo difensore pescarese e l'azione sfuma. Il ritmo impresso dalla Fiorentina alla partita è impressionante, il Pescara non può far altro che difendersi, al 12' sugli sviluppi di un calcio d'angolo dalla destra, battuto da pizarro, Borja Valero va al tiro al volo dal limite dell'aria, che rimbalza in mezzo alla mischia ed arriva a Tomovic, ma il suo colpo di testa è salvato da un miracolo di Perin, che si dimostra un ottimo portiere. Al 18' la Fiorentina dopo una trama a centrocampo rapida e veloce arriva il bolide dai 25 metri di Cuadrado, ma Perin si oppone nuovamente. I viola stanno dimostrando uno strapotere sul campo al quale i delfini non riescono a opporsi, ma fino a questo momento la compattezza difensiva e l'ottimo Perin tengono il risultato sullo 0 a 0. Al 29' da calcio d'angolo la Fiorentina sfiora la rete del vantaggio, il cross di Pizarro è sul secondo palo per l'inserimento di aquilani che la angola sul palo lungo, ma Perin in tuffo basso con un colpo di reni salva ancora la porta pescarese, Perin è fino ad ora il protagonista assoluto dell'incontro.  Al 43'  la Fiorentina spreca un'altra azione importante, in contropiede Pizarro serve sulla destra Aquilani che va al cross in area per Borja Valero, il suo tiro al volo è potente e preciso, ma Perin si oppone nuovamente, la porta del Pescara sembra stregata, gli ospiti non hanno mai impegnato Neto, ma il risultato di 0 a 0 lascia aperta la partita a qualsiasi tipo di risultato. Il primo tempo si conclude a reti inviolate, Perin dimostra di essere un giocatore di prospettiva internazionale. Nella ripresa la fiorentina continua a macinare gioco e al 54' piovono due occasioni da rete, ma i tiri di Cuadrado e di Jovetic non sono certo imprendiili e il Perin di oggi non si fa sorprendere. Al 56' arriva la beffa per i viola, il Pescara conquista un calcio d'angolo, il cross di Celik trova in area la testa di Jonathas che batte Neto da pochi passi e il Pescara cinico alla prima occasione offensiva passa in vantaggio. La reazione della Fiorentina è furiosa, ma adesso il Pescara è tutto chiuso nella propria metà campo e la Fiorentina fatica a trovare spazzi. Al 62' tegola in casa viola, Jonathas interviene male su David Pizarro, che scivola per terra, ma il piede sinistro resta bloccato nel terreno e il ginocchio compie un movimento innaturale, al suo posto entra Mati Fernandes. nel finale di gara la Fiorentina di Vincenzo Montella si sbilancia in avanti, ma il Pescara riesce ad evitare al minimo le azioni pericolose dei giocatori viola. La beffa finale arriva al 90' quando Roncaglia perde palla a centrocampo al momento di cercare l'assalto finale per un pareggio insperato, regala palla a Celik che vola in porta e raddoppia.  La partita termina sul risultato di due a zero per il Pescara che sbanca l'Artemio Franchi con due tiri in porta all'attivo. L'anno viola non inizia al meglio, la Fiorentina chiude il girone d'andata a 35 punti, come l'Inter e resta al terzo posto senza allungare, aspettando in serata cosa dirà il risultato di Napoli Roma, con i partenoperi che potrebbero scavalcare la Fiorentina.

 

FIORENTINA (3-5-2): Neto, Roncaglia, Tomovic, Savic, Cuadrado, Aquilani, Pizarro (64' Mati Fernandes), Borja Valero,  Pasqual (77' Seferovic), Jovetic, Toni (59' Ljajic) . A disp. (Viviano, Lupatelli, Fernandez, Cassani, Seferovic, Della Rocca, Llama, Migliaccio, Ljajic, Madrigali, Romulo). All. Montella.

PESCARA (4-4-2):  Perin, Capuano, Bjarnason, Celik, Modesto, Balzano, Weiss (83' Bocchetti), Nielsen, Togni (71' Colucci), Jonathas (85' abbruscato), Terlizzi. A disp. Pelizzoli, Falso, Cascione, Romagnoli, Abbruscato, Bocchetti, Colucci, Vukusic, Caprari. All. Bergodi.
RETI: 56' Jonathas, 90' Celik
AMMONIZIONI: 5' Togni, 33' Celik, 35' Jonathas, 39' Terlizzi,  46' Modesto, 69' Borja Valero

Niccolò Dainelli

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »