energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Befana non muore mai: quasi la metà degli italiani appende la Calza Breaking news, Società

Firenze – Tempi di cambiamenti, globalizzazione, vertigini mondialistiche. Ebbene, gli italiani resistono anche con il ripetersi di riti antichissimi, che sprofondano molto al di là della nascita dei “costumi nazionali“. Fra questi, il mito della Befana e dei doni per i “bambini buoni”, che in realtà adombra un antichissimo cerimoniale della Natura, un ciclo di morte e rinascita annuale che simboleggia l’eternità della Natura stessa, sempre uguale e mai la stessa.

A darci le “statistiche” del resistere di questo antico costume è la Coldiretti: nel 43% dei casi, praticamente la metà delle famiglie, gli italiani stasera appenderanno la mitica calza per ritrovarsi, domani mattina, a contare dolci e carbone. Inoltre, come precisa la ricerca condotta da Coldiretti/Ixè, l’11% che non appenderà la calza farà altri regali, mentre il restante o non festeggia o non ha bambini in famiglia.

Semmai, come spiega la Coldiretti, nelle calze il contenuto tende a cambiare in relazione alla nuova attenzione all’alimentazione che si è fatta strada anche nel nostro Paese, complice la presenza sempre più alta (circa un terzo) di minori in sovrappeso o obesi anche fra i bambini italiani. Così, prevalgono i prodotti naturali, e spesso bon bon, caramelle ecc. vengono soppiantati da prodotti meno calorici ma soprattutto più rispettosi della natura e sostenibili. Ai bimbi “cattivi” qualcuno farà arrivare ancora aglio, peperoncino (magari Igp…) e carbone vero.

Una svolta verso la sostenibilità e l’alimentazione “naturale” che ben si sposa con la tradizione: infatti, ricorda Coldiretti, la ricorrenza è tradizionalmente connessa “alla morte e rinascita della natura dopo il solstizio invernale. Si narra infatti che, durante questa notte, Madre Natura, esausta per le energie spese durante tutto l’anno, si trasformasse in una buona vecchina che, dopo aver consegnato i doni, simbolo di una nuova semina, era pronta a farsi bruciare per far rinascere dalle sue ceneri una luna nuova rappresentata da una giovane Natura”.

Ed ecco alcuni appuntamenti in Toscana con la simpatica vecchietta: a Certaldo, venerdì 6 alle ore 15.00 in Piazza Boccaccio, torna il consueto appuntamento con La Befana dei Bambini, a cura della Pro Loco Certaldo, la vecchietta arriverà “volando” e portando in dono tanti squisitezze, naturalmente per i bambini; Befana energica e spericolata a Firenze, quella dei Vigili del Fuoco: quest’anno scende proprio in Piazza della Signoria, dopo aver egregiamente svolto la sua funzione benefattrice all’ospedalino Mayer. L’appuntamento al Mayer è attesissimo dai piccoli ricoverati dell’Ospedale Pediatrico fiorentino, che ogni anno vedono, il 6 gennaio, calarsi la Befana dei Vigili del Fuoco direttamente in reparto. L’anziana signora distribuisce dolci e giocattoli donati dal personale del Comando di Firenze.  Una “vecchietta” molto energica che quest’anno vuole raddoppiare la solidarietà con un appuntamento dedicato a tutti i bambini di Firenze e a quelli di passaggio in città. L’impresa sarà possibile grazie al supporto logistico della Galleria degli Uffizi, al contributo operativo del Gruppo Storico dei Vigili del Fuoco e della compagine dei volontari VVF insieme, naturalmente, al personale operativo del Comando di Firenze.
Per la prima volta nella storia di Firenze e della Galleria degli Uffizi, la Befana darà prova di capacità acrobatiche non indifferenti, calandosi dalla terrazza sopra la Loggia dei Lanzi e distribuendo caramelle ai bambini. Il frangente si preannuncia unico, soprattutto per la difficoltà di manovra, che vede impegnati nella calata, oltre alla Befana, anche due VVF che le presteranno assistenza . Befana di solidarietà, che oltre ad allietare le famiglie accorse in centro per trascorrere un pomeriggio di festa, vuole restituire una speranza di rinascita alle collettività del Centro Italia colpite dal terremoto, raccogliendo un contributo da destinarsi al restauro di un’oggetto identitario danneggiato.  La calata della Befana inizierà intorno alle 16,30 per terminare dopo il tramonto; in prossimità della Loggia sarà approntato un banchino dove sarà possibile effettuare le donazioni.  Il ricavato sarà destinato a finanziare un restauro, individuando l’opera in accordo con il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Firenze e l’Unità di Crisi del MiBACT.
Anche quest’anno, la Befana “speciale” della Florence Dragon Lady arriverà in Arno, alla Canottieri Comunali Firenze. Con la poesia del fiume e la forza delle donne i doni saranno davvero speciali. Saranno molte le Befane che accoglieranno i bambini e le loro famiglie in riva d’Arno per uno degli appuntamenti tradizionali più attesi da tutta la città ed entrato nel cuore dei fiorentini ed organizzato insieme alla LILT presso la sede storica della società Canottieri Comunali sul Lungarno Ferrucci. Befane speciali con un cuore grande che con le loro pagaie animeranno le gite sul fiume a bordo dei Dragon Boat per poi distribuire come da tradizione le bellissime calze piene di dolci offerte generosamente da Esselunga. Le Florence Dragon Lady e molte altre socie della Canottieri hanno organizzato una grande festa, prevedendo attività per grandi e piccini, a partire dalla consueta merenda ricca di dolci, pandori, panettoni e vin brulè per gli adulti. La scuola italiana Cani Salvataggio non solo sorveglierà le escursioni in Arno ma, con i suoi bellissimi e simpatici cani, garantirà un’altra graditissima presenza. L’appuntamento per tutti è per la mattina del 6 gennaio, dalla ore 10 alle 12.

Anche a Montemurlo è scattato il conto alla rovescia per l’arrivo della Befana. Anche quest’anno sono numerose le iniziative dedicate ai più piccoli per celebrare la “dolce vecchietta”, carica di regali e caramelle, promosse dalle associazioni del territorio e patrocinate dal Comune di Montemurlo. Oggi 5 gennaio la Vab porta la “Befana a casa tua”. Dalle ore 20 in poi i volontari della Vab accompagneranno la vecchietta in giro per Montemurlo a recapitare regali ai bambini. I genitori o i nonni che vogliono usufruire di questo servizio possono chiamare la Vab (via Scarpettini, 323/b) al numero cell. 3394090549.
In Sala Banti, sempre giovedì 5 gennaio, alle ore 21, l’attesa della Befana è con il concerto della Filarmonica “G. Verdi” di Montemurlo, diretta dalla maestra Liana Lascialfari. Domani,venerdì 6 gennaio, giorno dell’Epifania, l’intensa giornata dedicata alla Befana, inizia a Oste alle ore 10 con la tradizionale sfilata dei Re Magi per le vie del paese, che alle ore 11 arriveranno nella chiesa parrocchiale di piazza Amendola per la consegna dei doni al Bambinello. Alle ore 12 i Re Magi distribuiranno regali e caramelle a tutti i bambini presenti. Per informazioni si può contattare la parrocchia di Oste tel. 0574-798667.
Alle ore 10,30 in Sala Banti (piazza della Libertà) l’Avis di Montemurlo organizza la “festa della Befana” con la consegna delle calze a tutti i bambini presenti fino all’età di dieci anni.  Nel pomeriggio alle ore 14,30 la festa si sposta in piazza Castello alla Rocca, dove prenderanno il via le animazioni dedicate ai bambini in attesa della discesa della Befana dal campanile della Pieve di San Giovanni Decollato prevista per le ore 17. Il Borgo della Rocca sarà animato fin dal mattino con un mercatino di artigianato e giocattoli, mentre alle ore 11 si svolgerà la visita guidata della pieve di San Giovanni Decollato. Nel pomeriggio tutti i bambini presenti potranno far merenda al frantoio della Rocca con pane e olio e, dopo aver gioito dell’arrivo della Befana a cavallo della sua scopa, la festa continuerà con il “presepe vivente” che, in processione, scenderà fino alla Chiesa del Sacro Cuore. Dopo la messa, la festa laica proseguirà in piazza Contardi con un rinfresco con panettoni, cioccolata calda e vin brulè per tutti. L’iniziativa è promossa dall’associazione Borgo della Rocca, Vab Montemurlo e Parrocchia di Montemurlo. Per informazioni 3478627809.  Sempre il 6 gennaio anche a Bagnolo si festeggia la Befana. Alle ore 15,30 il Circolo Arci “G. Gelli”organizza la festa della Befana con uno spettacolo di burattini e l’arrivo della vecchietta carica di calze ripiene di caramelle per tutti i bambini. Ma non finisce qui, perché sabato 7 gennaio, sempre al circolo G. Gelli (via Montalese 197- Bagnolo) “e poi c’è la Befana”: dalle ore 17 balli, karaoke e cena a buffet dedicati alle persone disabili. L’organizzazione è a cura dell’associazione Aurora di Montemurlo. Il ballo e il karaoke sono a ingresso libero, mentre la cena a buffet costa 15 euro. Per maggiori informazioni e prenotazioni tel. 3492989686 e-mail associazione.aurora@email.it

Per la festa dell’Epifania da diversi anni a Fucecchio si tiene con il patrocinio dell’amministrazione comunale la tradizionale Cavalcata dei Re Magi, promossa dai Missionari Identes e dalle locali parrocchie. Il Sacro Corteo di personaggi in costume parte da Ponte a Cappiano, percorrendo un tratto dell’antica Via Francigena, fino ad arrivare alla Parrocchia di S. Maria delle Vedute a Fucecchio, dove si uniscono gruppi di fedeli che raggiungono la Collegiata dove alle ore 18 verrà celebrata la S. Messa solenne, presieduta da Sua Ecc. Mons. Andrea Migliavacca, Vescovo di San Miniato. 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »