energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La bellezza non ha colore politico né quello del potere Opinion leader

Cade a proposito la polemica di questi giorni fra l’amministrazione comunale di Pietrasanta e la sua cittadinanza, in merito alla collocazione permanente sulla facciata della chiesa sconsacrata di Sant’Agostino (XIV sec.), in Piazza del Duomo, di un altorilievo di bronzo (un’ “Annunciazione”), opera dell’artista polacco Mitoraj. Il progetto è già stato approvato dalla Sopraintendenza che, in questo caso, non ha temuto la dissonanza tra modernità e antichità, al contrario dei vari comitati cittadini, e di alcuni studiosi d’arte. Personalmente non entro nel merito della questione estetica, né della diatriba politica già di per sé strumentale, ma vorrei solo raccontarvi una storia parallela di tanti anni fa accorsa ad un nostro artista, che credo darà il senso della misura della questione.

Nel 1998 la Sopraintendenza giudicò che, un trittico dell’artista Flavio Bartolozzi, “Natività ‘77”, collocato su richiesta del sacerdote pistoiese Don Siro Butelli presso la Chiesa del Tempio al Nemoreto-Pistoia (XI sec.), “Per qualità e dimensioni”- testuali parole – contrastasse negativamente con l’aspetto architettonico e decorativo della chiesa, e invitava le autorità ecclesiastiche e l’autore, secondo quanto disposto dalla Legge 1 giugno 1939, N. 1089, art. 4, a rimuovere la pala d’altare, trasferendola in un contesto moderno più “organico e coerente” alla sua natura di opera d’arte contemporanea. Così fu fatto e da allora la sua bellissima “Natività” può essere ammirata dai visitatori sul transetto sinistro della bella chiesa, ricostruita nel 1969, di San Biagio in Cascheri-Pistoia, vicina a quella antica (documentata già nel 1044).

Purtroppo molti artisti in Italia si riconosceranno in questi fatti, e pertanto mi domando, al di là del rispetto che tutti noi nutriamo per Mitoraj e la sua arte, il perché, kafkianamente parlando, di queste disparità di trattamento “di fronte alla legge”. C’è forse da pensare una volta di più che, a dispetto del motto democratico che campeggia sugli alti scranni di giustizia, “La Legge per alcuni sia più uguale che per altri”? 

R. Walter Mutt.

Foto: Annunciazione di Igor Mitoraj

                                                                                                                                                    

Print Friendly, PDF & Email

Translate »