energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La bussola solare delle “pulci della sabbia” STAMP - Università

Le cosiddette “pulci della sabbia” si chiamano in realtà talitri e sono dotati di una specie di bussola. La scoperta su questa peculiare caratteristica del crostaceo semiterrestre, pubblicata sul “Journal of Experimental Biology”, è stata portata a compimento da un gruppo di ricerca dell’Università di Firenze. Nell’articolo “The skylight gradient of luminance helps sandhoppers in sun and moon identification” di Alberto Ugolini (associate di Zoologia), Giuditta Galanti (Dipartimento di Biologia Evoluzionistica) e Luca Mercatelli (Istituto Nazionale di Ottica-CNR di Firenze) viene spiegato come i talitri, che possono essere presi come modello di comportamento dei crostacei che popolano i litorali sabbiosi,  i movimenti vengano guidati da una sorta di bussola naturale. In sostanza le “pulci della sabbia” hanno un sistema di orientamento capace di misurare il gradiente di luminanza del cielo, ossia la luminosità della calotta celeste. Grazie a questa bussola interiore, i talitri comprendono se in cielo c’è il Sole o la Luna e conducono di conseguenza i loro movimenti.

Foto: http://www.flickr.com

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »