energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La condanna del legislatore di se stesso Opinion leader

Questo fatto incide in modo significativo sulla vita politica del paese. Dopo vari tentativi il PdL non ha ancora trovato le modalità per salvaguardare la carriera politica del proprio leader. La situazione è  confusa e l’esistenza dell’attuale governo, basato sull’accordo PD-PdL , è a grosso rischio. Almeno una parte del PdL continua ad operare in supporto alla volontà di Berlusconi di salvare il proprio ruolo politico . Questo costringe il PD che già opera in un contesto nazionale difficile –grazie all’alleanza governativa non “naturale” con il Pdl- ad affrontare una situazione del tutto imprevedibile. La logica degli obiettivi del “condannato”  Berlusconi, infatti, non è solo di difficile comprensione ma, soprattutto, d’impossibile accettazione. Il leader del PdL chiede, nei fatti, d’essere riconosciuto come “cittadino speciale”, non penalizzato dagli effetti della condanna della Cassazione, per poter continuare a svolgere il proprio ruolo di leader politico. In sostanza un riconoscimento  illegittimo, che non può avere spazio nel nostro paese. Oltre a tutte le altre considerazioni,  la logica della Costituzione italiana infatti, non prevede in assoluto, “forzature” di questo tipo.

La pretesa del riconoscimento di “cittadino speciale” , anche rapportata ai risultati dell’azione di governo -svolta per otto anni circa, nel decennio 2001-2011- non appare giustificabile.
Si pensi alle leggi ad personam  approvate in funzione delle proprie società e/o degli interessi e di persone a lui vicine. Tra queste si ricordano:
nel 2001  la legge  361: depenalizzazione del falso in bilancio; la 367 per coprire i movimenti illeciti sui conti svizzeri di Cesare  Previti e Renato Squillante;.
nel 2002 la legge 248  (legge Cirami ) introduce il legittimo sospetto sull’imparzialità del giudice. Sistematicamente invocata dagli avvocati di Berlusconi e Previti per i loro processi;  legge 289 condono fiscale .Beneficio per le imprese del gruppo Mediaset;
nel 2003 il decreto legge 352 (decreto salva rete 4); legge 350 norme sul digitale terrestre. Il maggior beneficiario dell’incentivo è stata la società Solari.com, controllata al 51% da Paolo Berlusconi;
nel 2004  legge 308 estensione del condono edilizio alle aree protette. E’ servita per il condono relativo a villa Certosa, proprietà di Berlusconi;
nel 2005 legge 251 ( ex Cirielli). Introduce una riduzione dei termini di prescrizione dei reati di corruzione in atti giudiziari e falso in bilancio nei processi “Lodo Mondadori”, “Lentini”, Diritti tv Mediaset”;
nel 2008 legge 124 (lodo Alfano) sospende il processo penale per le alte cariche dello stato. Emanata poco prima delle ultime udienze del processo per corruzione dell’avv.Mills. Decreto legge 185.Aumento dal 10 al 20 per cento dell’IVA sulla pay tv “Sky Italia” competitore di Mediaset; Declino dell’Italia rispetto all’Europa
Considerato 100 il Pil pro-capite, calcolato a parità di potere d’acquisto nell’Unione europea, il Pil per abitante in Italia nel 2001 era pari a 117,8 che posizionava il paese al 9° posto nell’ambito dei  paesi UE. Nel 2006 il Pil italiano era sceso a 103,8 (14 punti  in 5 anni) , quindi a 101,9 nel 2007, a 99,5 nel 2008  (al di sotto della media U.E.,pari a 100), a 98,8nel 2009. Nel contempo dal 9° posto, rispetto ai 27 stati U.E., l’Italia è progressivamente passata al 13 ° posto.
In sostanza questi dati evidenziano che  la lunga esperienza del governo Berlusconi, ha determinato  leggi ad personam e un processo d’ impoverimento dell’Italia

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »