energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

La crisi accelera, la voglia di fare impresa rallenta ma non si ferma Economia

Morde, la crisi, ma non ferma la voglia di fare impresa degli italiani. Che in Toscana è ancora più spiccata: se infatti il tasso di incremento medio delle nuove imprese nate nel 2011 si attesta per l’Italia sullo 0,82%, in Toscana è dell’1,05%. Meglio della nostra regione fanno solo Lazio (+1,94%), Lombardia (+1,21%), Campania (+1,06%). Bene anche la Sicilia, con lo 0,96%.
Viceversa, il bilancio anagrafico delle imprese nel 2011 s’è chiuso col segno meno per Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia e Basilicata.
Dunque, la crisi di fiducia che ha investito l’Italia dalla metà del 2011 sermbra avere colpito solo “di striscio” la volontà di fare impresa degli italiani e dei toscani. Un dato per tutti, a livello nazionale: tra gennaio e dicembre dello scorso anno le Camere di Commercio hanno registrato la nascita di 391mila 310 imprese, a fronte della cessazione di attività di 341mila 081. Il che significa un saldo positivo di 50mila 229 imprese in più che concorrono a formare il tessuto imprenditoriale composto di 6milioni 110mila 074 unità del nostro paese. Che significa un’impresa ogni 10 abitanti.

Tuttavia, il rallentamento, rispetto al 2010, c’è stato.
Ecco i dati toscani: imprese iscritte 28mila 865, cessazioni d’attività 24mila 490, saldo 2011 pari a 4mila 375 imprese. Si passa a un tasso di crescita annuo pari a 1,05%, contro il tasso positivo del 2010, pari a 1,19%.
A livello nazionale, il rallentamento del tasso di espansione della base imprenditoriale si è attestato su un +0,8% contro l’1,2% del 2010. Un bilancio in ogni caso migliore rispetto al triennio 2007-2009, che ha visto una crescita media intorno allo 0,5%.
Ancora un dato interessante riguarda l’analisi della crescita nelle macroaree: l’incremento del tessuto imprenditoriale più vivace si è avuto al Centro, con 16mila 633 unità e un tasso di crescita complessivo pari all’1,29%. A seguire, Nord-Ovest, con 13mila 501 imprese in più e un incremento dello 0,81%, infine Mezzogiorno con 13mila 986 imprese in più e un tasso dello 0,7% e Nord Est con 6mila 109 unità in più e un tasso dello 0,51%. Al Sud, inotre, è stato registrato un alto numero di cessazioni: 7mila 400 in più rispetto al 2010.

I dati sono stati presentati due giorni fa a Reggio Emilia nel corso del convegno celebrativo dei centocinquant’anni della legge istitutiva delle Camere di commercio (provengono dall’indagine Movimprese, la rilevazione trimestrale sulla natalità e mortalità  delle imprese condotta da InfoCamere) dal Presidente di Unioncamere Ferruccio Dardanello.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »