energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Factory a Firenze: il volto nuovo dell’ex Manifattura Tabacchi Cultura

Firenze –  Con un evento digitale è stata presentata oggi la nuova realtà creativa e produttiva che aprirà a settembre 2022 nello spazio dell’ex Manifattura Tabacchi nel cuore di Firenze. Si tratta solo della prima fase di un ambizioso restyling dell’area complessiva, 16 edifici per un totale di circa 110.000 mq, che dovrebbe essere recuperata entro il 2026.

L’imponente progetto prevede un cambiamento radicale dell’ex fabbrica di sigari. L’area, situata tra il parco delle Cascine e i quartieri Puccini, San Iacopino, Isolotto e Novoli, riqualificata da interventi di sostenibilità ambientale, troveranno come sede ideale artigiani e artisti contemporanei con i loro atelier e poi uffici, spazi espositivi e co-working. Completo di servizi di ristoranti e luoghi per attività culturali e ricreative.

Così la Manifattura tornerà a pulsare di vita sia come polo creativo per la moda, l’artigianato e per l’arte, connesso a livello internazionale, sia come un nuovo quartiere aperto a tutti i cittadini dove poter passeggiare sulle due aree pedonali, Marker Street e Boulevard, oppure trascorrere del tempo in uno spazio innovativo, con una spiccata sensibilità riguardo l’ecologia verde, con l’intervento di Stefano Macaluso e rigenerato dal punto di vista ambientale. Per la strategica posizione sarà facilmente accessibile perché la Manifattura Tabacchi sarà collegata al centro con la tramvia, la linea T4 che dovrebbe essere ultimata al momento dell’inaugurazione del nuovo polo, e integrata con mezzi a basso impatto ambientale.

Un tale progetto, del valore di investimento complessivo di 250 milioni di euro, vede in campo diverse forze e tante attività stanno iniziando a popolare gli edifici. La prima a investire nella futura Manifattura è stata Polimoda la scuola internazionale di moda che è qui presente, come sua terza sede fiorentina, da gennaio 2020, avendo acquisito l’edificio 6.

Il più grande progetto di riqualificazione post-industriale in Italia è reso possibile da una joint venture creata nel 2016 dalla società immobiliare del Gruppo Cassa depositi e prestiti e da PW Real Estate Fund III LP, un fondo gestito da Aermont Capital. MTDM Manifattura Tabacchi Development Management Srl è la società di sviluppo e project management che gestisce il completo processo.

Giovanni Manfredi, CEO di Manifattura Tabacchi ha dichiarato: “L’inizio dei lavori della “Factory” di Manifattura è un momento molto importante e simbolico del cambiamento, per noi rappresenta il passaggio dal ‘pensare’ al ‘fare’. L’anima del progetto è quella di riscoprire la parte contemporanea di Firenze, offrendo una dimensione più ‘fresca’, un luogo dove è possibile sperimentare, fare errori, essere innovativi”.

Con la Factory è previsto il recupero di alcuni edifici storici 4, 5 e 11 dove originariamente si producevano sigari e sigarette. Il progetto architettonico è firmato da Q-bic, studio fiorentino di Luca e Marco Baldini e del paesaggista Antonio Perazzi.

L’edificio 4 e 5 ospiterà atelier, negozi e co-working mentre nell’edificio 11 prenderà posto NAM-Not a Museum, dedicato alla produzione, ricerca e sperimentazione per le arti contemporanee. Sul tetto invece ci sarà “Officina Botanica”, un giardino pensile aperto a tutti.

Tra quelli che hanno già scelto di inserirsi in questo contesto, oltre a tanti maker, sono L’Accademia di Belle Arti di Firenze, nell’edificio 7, DogHead Animation, start-up di animazione all’avanguardia e l’Istituto dei Mestieri d’Eccellenza LVMH (IME) nell’edificio 8.

L’ex Manifattura è attiva dal 2018 con attività temporanee che proseguiranno con iniziative sia interne che esterne.

Immagine: il rendering della piazza centrale della nuova Manifattura Tabacchi

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »