energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

La ferrovia nel deserto: missione araba per un team di geologi senesi STAMP - Università

Siena – I geologi del Centro di Geotecnologie dell’Università di Siena sono al lavoro in Arabia per conto di Italferr, la società di Ingegneria delle Ferrovie dello Stato dal 2012 impegnata nella realizzazione di una nuova ferrovia ad alta velocità  attraverso il deserto arabico, uno dei più inospitali della Terra. Il tracciato di progetto attualmente si sviluppa lungo oltre 1.200 chilometri e unisce le città di Jeddah sul Mar Rosso e Jubayl sul Golfo Persico attraversando l’intera penisola araba.

Il Centro di Geotecnologie, dopo una positiva esperienza dal 2012 al 2013 sempre in Arabia Saudita, affianca Italferr in questo ambizioso progetto fornendo personale con competenze specifiche nella supervisione delle indagini geognostiche e geotecniche e nello studio delle problematiche geologiche e geomorfologiche legate a questi particolari ambienti aridi. Il tracciato si snoda infatti attraverso aree desolate con diverse criticità legate alle morfologie desertiche che vanno dalle zone di hammada roccioso con enormi crateri vulcanici dell’ovest, dove affiorano le antichissime rocce dello scudo arabo, alle grandi distese di dune (erg), fino alle impervie zone montuose con rupi calcaree del Paleozoico e Mesozoico scavate dagli spettacolari canyon del centro Arabia e infine alle immense e piatte distese di serir.

Il Centro di Geotecnologie, che ha sede a San Giovanni Valdarno, è da sempre attivo in importanti progetti all’estero e i ricercatori impegnati hanno maturato esperienze di alto livello superando difficoltà legate agli ambienti estremi dove spesso queste attività si sono svolte.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »