energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La festa di Oji in onore di Christian Giagnoni Cronaca, Società

Prato – C’era il sapore di una bella festa di famiglia quella che a cui hanno partecipato nella Corte Interna del Museo di Palazzo Pretorio sabato pomeriggio società sportive, atleti di ginnastica maschile e femminile, associazioni di volontariato, Caterina Bellandi, il sindaco di Prato Matteo Biffoni e tantissimi amici.

Incontrarsi in allegria in uno dei luoghi più amati dai pratesi in onore di Christian Giagnoni 4 volte campione nel Giro d’Italia Handbike e per festeggiare i  «6 anni di Oji » il marchio d’abbigliamento famoso nel mondo per le maglie con frasi divertenti e calcistiche.
Il logo dei due fratelli Simone e Veronica De Luca,ormai un must nel campo della moda, è la zampa dell’Akita – Inu il cane di famiglia a cui entrambi erano affezionati. Due giovani imprenditori pratesi che però hanno legato quest’anno il compleanno dell’azienda al lancio di una raccolta fondi per aiutare lo sportivo montemurlese a correre ancora.
Infatti nonostante i successi e i molteplici primati tra cui la vittoria nella tappa a Prato nel 2018, per Giagnoni restano le difficoltà di carattere economico per le trasferte in Italia e in Europa (lo scorso anno infatti per poter gareggiare ha dovuto sborsare diecimila euro!).
Ed ecco che in una cornice di festa musica e spettacolo con i cori dei bambini che inneggiavano al loro ”capitano” sono apparsi Christian con Simone e Veronica che hanno abbracciato ad uno ad uno tutti gli invitati presenti.
Visibilmente commosso Giagnoni ha detto: “Per me festeggiare la mia vittoria a Prato è la cosa più bella perché non solo è la mia città ma è anche quella che porto con me nei miei spostamenti in Italia e all’estero; spero per il prossimo anno di correre in gare internazionali oltre che per il Giro d’ Italia e di esserci per le Paraolimpiadi del 2020».
E Luca De Simone: “Non potevano non essere accanto all’amico Christian. Veronica ed io siamo contenti di aver fatto tutto questo non solo per aiutare Christian  ma anche per avvicinare il più possibile i bambini che oggi sono qui in tantissimi, allo sport».
Foto da Facebook
Print Friendly, PDF & Email

Translate »