energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Fiat sotto i riflettori STAMP - Lavoro Nuovo

A tornare prepotentemente sul tema è Susanna Camusso, che scrive al Corriere suggerendo al governo di varare un decreto per la rappresentanza grazie al quale “(…)  i dipendenti Fiat tornerebbero a essere lavoratori metalmeccanici e non più figli di un contratto aziendale costruito a misura dell’azienda, sarebbero superati tutti gli elementi di dubbia costituzionalità oggi presenti; sarebbe negato quello stile di comando forzoso e autoritario che impedisce ai lavoratori di esprimere i loro saperi e le loro competenze a vantaggio, in primo luogo, dell’azienda stessa, si tornerebbe a riconoscere diritti fondamentali e insopprimibili quali la libertà di pensiero e di associazione. Si tornerebbe, cioè, alla normalità del confronto e delle relazioni sindacali“. Il segretario della Fim Cisl annuncia la sua intenzione di fare da mediatore tra Marchionne e Landini: “Domani chiederemo a Fiat il ritiro della procedura di mobilità per i 19 lavoratori di Fabbrica Italia Pomigliano. Ma al tempo stesso è necessario che la Fiom sottoscriva gli accordi sindacali, e ponga fine alla perenne guerra giudiziaria con il Lingotto”.

Rassegna stampa 5 novembre

Print Friendly, PDF & Email

Translate »