energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Fiorentina crolla contro il Sassuolo, l’Europa è più lontana Sport

Firenze – Crolla la Fiorentina a Reggio Emilia contro il Sassuolo. Crolla in un pomeriggio caldo, si gioca alle 18, crolla dopo una serie di partite ravvicinate, crolla giocando per un’ora in dieci per il rosso a Dabo mostrando però fin dall’inizio scarsa vena e ancora più scarsa lucidità. Mostrando tutti i limiti della rosa a disposizione di Pioli mostrando tutti i limiti anche individuali di tanti giocatori. Da Falcinelli a Milenkovic gli errori non si contano, Veretout gioca quasi da solo e quasi da solo mette insieme una prestazione almeno accettabile. Che non serve a evitare una brutta sconfitta da un avversario modesto, probabilmente la fine di ogni ambizione Europea. Anche considerando che domenica al Franchi arriva il Napoli.

Una prova davvero deludente soprattutto per i tanti, circa duemila, tifosi viola ma anche per Andrea Della Valle presente in tribuna insieme a Cognigni e i genitori di Davide Astori.
A nulla sono valse le mosse di Pioli che sostituisce Sportielo (squalificato) con Dragowski e Pezzella (squalificato) richiamando Laurini e inserendo Maxi Olivera per Biraghi. Non solo: il mister dà poi fiducia fin dal primo minuto a Saponara e a Falcinelli con Eysseric e Simeone in panchina. In panchina dove viene spedito anche Babacar nel Sassuolo. Ma non è solo il mancato duello Babacar-Simeone a deludere le aspettative di spettacolo. Per tutto il primo tempo la partita non decolla e a condizionare la partita della Fiorentina arriva anche il secondo e ingenuo giallo – e conseguente rosso – per Dabo al 30′.
Pioli si sbraccia, chiede ai suoi di spingere ma la squadra viola è apatica, non carbura e per un’amnesia difensiva ecco il gol di Politano, libero di calciare di sinistro sul secondo palo spedendo il pallone in rete e lasciando Dragowski di stucco. Con la coraggiosa uscita di Dragowski su Berardi, ammonito per l’entrata sul portiere a piedi uniti, si chiude il primo tempo.

Nella ripresa il Sassuolo si chiude ancora di più e Pioli al 55′ manda in campo Gil Dias e Simeone per Olivera e Saponara. Con Chiesa capitano, con Simeone e Falcinelli in avanti oltre a Gil Dias sulla fascia, la Fiorentina è tutta sbilanciata in avanti e solo un miracolo di Dragowski la salva dal raddoppio sempre di Politano al 58′. Iachini risponde a Pioli con Ragusa per Berardi al 65’ma è Simeone al 68′ a provare senza successo alla conclusione. Ma per il Sassuolo non mancano gli spazi per ripartire e a farsi pericoloso con Ragusa che obbliga ancora Dragoski al miracolo al 69′. La Fiorentina è stanca e tocca a Gaspar sostituire Chiesa al 72′ mentre il Sassuolo protesta per un rigore non concesso ad Adjapong invece ammonito per simulazione. Iachini manda in campo Matri per Politano all’83’ e propio Matri al primo minuto di recupero sbaglia un’occasione clamorosa

Sassuolo – Fiorentina 1 – 0

Sassuolo: Consigli, Magnanelli (cap.), Lemos, Missiroli, Peluso, Acerbi, Politano, Berardi, Rogerio, Duncan, Adjapong

Panchina: Marson, Pegolo, Mazzitelli, Biondini, Matri, Pierini, Frattesi, Cassata, Babacar, Dell’Orco, Ragusa, Letschert
All. Iachini

Fiorentina: Dragowski, Laurini, Milenkovic, Saponara(cap.), Falcinelli, Dabo, Maxi Olivera, Veretout, Benassi, Chiesa, Vitor Hugo

Panchina: Cerofolini, Brancolini, Biraghi, Simeone, Eysseric, Cristoforo, Ranieri, Gil Dias, Gori, Hristov, Bruno Gaspar
All. Pioli

Arbitro: Irrati di Pistoia, assistenti Criso e Lo Cicero; quarto uomo Piccinini; VAR-AVAR Giacomelli e Posado

Reti: 40′ Politano

Espulso Dabo, amm. Peluso, Laurini, Berardi, Lemos, Adjapong, Rogerio, Benassi,

Print Friendly, PDF & Email

Translate »