energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Fiorentina schianta il Siena Calcio, Sport

La fiorentina affronta nell'anticipo di domenica delle 12.30 un Siena in crisi di risultato, che non vince da tre partite come i viola di Vincenzo Montella. Le squadre entrano in campo ed è incredibile l'accoglienza dell'Artemio Franchi nei confronti di David Pizarro, l'applauso che abbraccia il cileno è incredibile e il "pek" si commuove prima del fischio d'inizio di Tagliavento. La Fiorentina non può fallire, deve trovare la vittoria con il ritorno di due pezzi da novanta come Jovetic e Pizarro. I viola partono forte, soprattutto sulla fascia sinistra, dove Pasqual ha vita facile nelle sue cavalcate fino al fondo e al 15' arriva la rete di Luca Toni, proprio su un cross del centrocampista dal fondo pennellato per la testa del bomber di Pavullo che di testa ha vita facile su Pegolo e segna il suo quinto gol stagionale.

La Fiorentina ha sempre vinto quando Toni ha segnato, sperando che sia di buon auspicio, la Fiorentina continua ad attaccare con convinzione e due minuti dopo, la scena si ripete, Pasqual viene servito da Pizarro sulla fascia sinistra, entra in area e serve raso terra Toni, che viene ostacolato da Felipe, l'ex di turno, che si becca l'ammonizione e regala il calcio di rigore ai viola. Sul dischetto si presenta David Pizarro, pronto a far esplodere la sua rabbia accumulata in questi giorni di dolore, Pegolo intuisce, ma il pallone entra in porta e Pizarro si sfoga con un urlo liberatorio. la Fiorentina ha voglia di stupire il suo pubblico e continua ad attaccare a testa bassa, Borja Valero al 21' sfiora la terza rete di giornata, con un destro da fuori area che esce a fil di palo a Pegolo battuto. Il Siena non ci sta e al 30' i primi sprazi di gioco bianconeri, dopo aver giocato ad una porta sola fino ad ora, Calaiò va al colpo di testa dall'area piccola, ma Neto, sostituto di un Viviano acciaccato fisicamente e psicologicamente, è pronto e respinge in tuffo.

Nell'occasione la difesa viola si è fatta sorprendere, ma la reazione della squadra di Cosmi è veramente rabbiosa e insistita, la Fiorentina dopo trenta minuti di calcio champagne si trova adesso a difendere dalle azioni pericolose create dai senesi. al 44' la Fiorentina prende il largo, il solito Pasqual al cross da sinistra, il difensore senese prolunga evitando che Toni intervenga, ma sulla fascia destra, tutto solo, c'è Romulo, preferito a Cassani per sostituire un Cuadrado assente, il centrocampista va al cross al colo a mezza altezza per Aquilani tutto solo in area, che segna il quarto gol stagionale. La Fiorentina esce dal campo per la pausa sotto gli applausi scroscianti dell'Artemio Franchi. La Fiorentina nella ripresa fa la partita e gestisce le energie, addormentando la partita, con un Siena che non riesce a incidere. Solo al 70' la partita vive di un sussulto, quando la difesa viola è schierata male, dopo un calcio di punizione in attacco, e Rosina in contropiede vede con la coda dell'occhio l'accorrente Reginaldo sulla destra tutto solo e lo serve, l'ex viola entra in area e tutto solo batte un incolpevole Neto.

La Fiorentina che fino a quel momento aveva tirato i remi in barca torna a far gioco e i risultati sono subito evidenti, al 79' Aquilani sulla tre quarti serve con un filtrante Borja Valero che entra in area e crossa in mezzo all'area piccola, dove Luca Toni insacca senza problemi da pochi passi la sua doppietta personale. All'87' arriva anche un altro calcio di rigore per la Fiorentina con Paci che stende El Hamdaoui e con il secondo giallo deve abbandonare il campo. Sul dischetto si presenta Alberto Aquilani che potrebbe festeggiare il ritorno alla vittoria della Fiorentina con una doppietta, ma il suo tiro esce alto sul fondo, il principino grazia Pegolo, che avrebbe incassato la quinta rete della partita. Tornano i titolari al completo e torna la vittoria con gioco e spettacolo, questa è la Fiorentina che aveva incantato la serie A e l'Udinese (mercoledì in coppa Italia, per l'ottavo di finale) e il Palermo sono avvertiti.

FIORENTINA:(3-5-2) Neto; Roncaglia, G. Rodriguez, Savic; Romulo, Aquilani, Pizarro (72' Migliaccio), Borja Valero, Pasqual (65' Llama); Jovetic (60' El Hamdaoui), Toni.
SIENA: (3-4-1-2) Pegolo; Neto, Paci, Felipe; Angelo (18' Sestu, 60' Reginaldo), Vergassola, Bolzoni, Rubin; Rosina; Calaiò, Larrondo(45' Coppola).
ARBITRO: Tagliavento di Terni
RETI: 15' 79' Toni, 18' Pizarro, 44' Aquilani, 70' Reginaldo
AMMONIZIONI: 17' Felipe, 30' Pizarro, 30' Vergassola, 60' Roncaglia, 62' Neto, 67' Rosina, 68' 87' Paci
ESPULSIONE: 87' Paci per doppia ammonizione.

                                                                                                                                 Niccolò Dainelli

Print Friendly, PDF & Email

Translate »