energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Fiorentina soffre ma batte l’Udinese al Franchi Sport

Un brodino caldo ma sostanzioso per la Fiorentina che al Franchi ha battuto con tanto sofferenza una scarsa Udinese. Tre punti preziosi per una maggiore tranquillità, soprattutto di Iachini, con Callejon e Quarta  all’esordio ma ovviamente ancora fuori dal coro, con due infortuni, Pezzella e Lirola, che rischiano di pesare. Ma era una vittoria obbligata per i viola e vittoria è stata anche se fino all’ ultimo minuto di recupero il patema  è stato tanto. C’e ancora tanto da lavorare ma intanto si vabbè avanti.

Subito dentro Callejon e  Vlahovic per dare una scossa a una Fiorentina in difficoltà che al Franchi affronta una peggio messa Udinese. Squadre in campo e applausi per l’arbitro Fourneau, quello salito alla ribalta per il rosso a Chiesa. Una ventata di buon umore che diventa entusiasmo al 10’ quando Castrovilli insacca su passaggio di Casiraghi. Una papera di Dragowski, tre minuti dopo, fa urlare allo scandalo ma i bianconeri  non sfruttano l’occasione. E fanno male perché al 20’ ancora Castrovilli, decentrato a destra, pennella un perfetto cross in area per il solitario Milenkovic che insacca.

Sembra tutto  facile per i viola che  riescono a gestire la gara con una difesa che però arretra sempre di più mentre Callejon e  Vlahovic svariano spesso a vuoto in avanti. Qualche  distrazione in ripartenza fa sperare l’Udinese che al 35’ riesce a mettere Lasagna solo davanti a Dragowski bravo a ribattere in uscita. Ma la pressione bianconera aumenta e le cose si complicano al 37’ quando Pezzella  non c’è la fa ed entra il neoacquisto, ex River Plate, Quarta all’esordio. Proprio mentre l’Udinese prende Enza progressivamente quota e trova il gol al 42’ con Okaka in tuffo di testa. 2-1 alla fine del primo tempo.

Nella ripresa, al 50’  è Castrovilli, con un bel gol a girare, a ristabilire le distanze e a meritarsi la standing ovation del pubblico presente. L’Udinese al 55’ sostituisce Arslan con Walace e Ouwejean con Pussetto e si butta in avanti obbligando Dragowski a un miracolo su conclusione ravvicinata di Okaka. Iachini corre ai ripari cambiando la prima linea: Cutrone e Kouame per Callejon e Vlahovic. Per l’Udinese  Deulofeu per Lasagna al 70’ed è proprio il neo entrato a impegnare  Dragowski.

Si fa male Lirola che viene sostituito da Venuti e anche Pulgar entra per Bonaventura ma l’Udinese a una decina di minuti dal termine e sotto di due gol non molla:  Bonifaci entra per Samir, Forestieri per Pereyra e all’ 80’ sempre con Okaka e sempre di testa trova il secondo gol. La Fiorentina è sotto assedio, i cinque minuti di recupero non passano mai ma alla fine per Iachini arriva  il triplice fischio e la preziosa vittoria.

 

 

Fiorentina-Udinese 3-2

FIORENTINA: Dragowski, Milenkovic, Pezzella, Caceres, Lirola, Bonaventura, Biraghi, Amrabat, Castrovilli, Callejin, Vlahovic.

A disp: Terracciano, Brancolini, Martinez Quarta, Duncan, Kouame, Saponara, Venuti, Barreca, Montiel, Cutrone, Pulgar, Igor

All. Iachini

UDINESE:Nicolas; Becao, De Maio, Samir; Molina, De Paul, Arslan, Pereyra, Ouwejan; Lasagna, Okaka. A disp.

Scuter, Gasperini, Makengo, Deulofeu, Walace, Bonifazi, Ter Avest, Pussetto, Nestorovski, Forestieri, Zeegelaar, Coulibaly.

All.Gotti

Arbitro Forneau di Roma coadiuvato da Preti- Mastrodonato, IV uomo Piccinini, Var Mariani Del Giovane

Reti: al 10’ Castrovilli, al 20’ Milenkovic, al 42’ Okaka, al 50’ all’80’ Okaka

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »