energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

La legge per il riordino degli Enti locali passa la verifica del Consiglio dei Ministri Politica

“Sono stato contento – ha dichiarato oggi, 15 febbraio, l’assessore regionale ale Riforme ed ai rapporti con gli Enti locali, Riccardo Nencini – quando a dicembre il Consiglio regionale toscano ha approvato la legge che la Giunta ha votato a luglio e sono naturalmente contento adesso. Ora l’applicazione della legge potrà procedere ancora più sicura e tranquilla”. Ieri, infatti, il Consiglio dei Ministri ha deciso che la legge di riordino degli enti locali votata dall’assemblea legislativa toscana alla fine di dicembre non ha vizi di incostituzionalità e che non vi sono motivi per una sua impugnazione. La soddisfazione di Nencini si spiega con il fatto che proprio l’assessore è stato il primo firmatario della legge, che ha dovuto passare la verifica del Consiglio dei Ministri per un atto dovuto. Nel dettaglio la legge per il riordino degli Enti locali prevede contributi di 150.000 euro l’anno per 5 anni per i Comuni che si fonderanno ad altri Comuni per costituire, appunto, delle Unioni di Comuni. La Toscana, ha ricordato Nencini, è la prima Regione italiana ad aver posto le basi per il riordino degli Enti locali e creerà un sistema con alla base le Unioni di Comuni con lo scopo di formare enti più solidi pur riducendone il numero.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »