energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Lucchini di Piombino chiuderà dal 23 dicembre al 18 gennaio Notizie dalla toscana

L’assessore regionale alle Attività produttive, lavoro e formazione, Gianfranco Simoncini, ha incontrato nel pomeriggio di ieri, 22 novembre, le sigle sindacali Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm ed il managemet del gruppo siderurgico Lucchini di Piombino. «Dare un futuro alla Lucchini – ha dichiarato Simoncini – e ammortizzare i costi sociali che si stanno scaricando sull’indotto in tutta la Val di Cornia, rischiando di farne saltare il sistema produttivo. È questo l’impegno che la Regione si è assunta nella difficile fase che l’azienda siderurgica piombinese sta attraversando. E su cui anche il nuovo Governo deve assumersi delle responsabilità, nell’immediato e nel futuro, e fare la propria parte, aiutando il lavoro. Il polo siderurgico toscano è una questione di valenza nazionale». Durante l’incontro, al quale hanno presenziato anche l’assessore al Lavoro della Provincia di Livorno, Ringo Anselmi, ed il sindaco di Piombino, Gianni Anselmi, l’amministratore delegato della Lucchini, Marcello Calcagni, ha dichiarato che la fabbrica chiuderà dal 23 dicembre al 18 gennaio. «Il futuro della Lucchini è importante, ma lo è altrettanto quello dell’indotto con le tante imprese creditrici in situazione di alto rischio. All’azienda chiediamo il massimo sforzo», ha dichiarato l’assessore regionale Simoncini commentando i timori dei sindacati per la chiusura prolungata dell’azienda nel periodo natalizio. Questa, infatti, preluderebbe per le parti sociali alla chiusura definitiva dello stabilimento siderurgico piombinese. «Ritengo opportuno – ha concluso l’assessore – che sia da parte dell’azienda che delle organizzazioni sindacali ci sia un ulteriore approfondimento della sofferta vicenda e della sua gestione. In questo le istituzioni non possono che auspicare che ci sia un percorso condiviso. Questo sarebbe un passaggio importante e darebbe un segnale di fiducia e tranquillità a tutta l’area».

Print Friendly, PDF & Email

Translate »