energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Mostra dell’Artigianato fa gli ’80: Brasile ospite d’onore Economia

Firenze – La Mostra dell’Artigianato compie 80 anni, ma la sua straordinaria vitalità non diminuisce: 55.000 metriquadri di superficie espositiva, oltre 800 espositori provenienti da ogni angolo d’Italia e da una cinquantina di paesi esteri, con new entry come Corea del Sud e Messico e il Brasile a fare la parte del leone come nazione ospite d’onore sono ‘un’ottima “scheda salute” per questo appuntamento riconosciuto a livello internazionale che fa di Firenze, ogni anno, la coloratissima capitale di quell’arte straordinaria che è la creazione, l’abilità, la capacità di innovare grandi tradizioni che è il mestiere dell’artigiano, in qualsiasi parte del mondo si trovi. 

L’80° edizione della Mostra Internazionale dell’Artigianato  andrà in scena dal 23 aprile al 1 maggio alla Fortezza da Basso di Firenze. Per nove giorni, con orario no stop dalle 10,00 alle 22,30 (ultimo giorno chiusura alle 20,00) pubblico e buyer internazionali (140.000 visitatori nel 2015) saranno accolti in un’atmosfera di festa, intrattenimento e business con una scoppiettante girandola di iniziative collaterali, dimostrazioni dal vivo, incontri con maestri artigiani e creativi tech. 

La mostra, la prima fiera dell’artigianato certificata in Italia, organizzata da Firenze Fiera in collaborazione con le principali istituzioni ed associazioni di categoria, “sarà l’edizione più bella di sempre – promette il Presidente di Firenze Fiera Luca Bagnoli – che premia un settore economico – il ‘fatto a mano’ che continua il suo trend di crescita per soddisfare una clientela sempre più esigente, a caccia di personalizzazione ed esclusività”. 

A fianco dei settori tradizionali l’edizione n.80 gioca la carta di nuove aree espositive come Absolut Handmade – Passione Sartoriale, la sezione interamente dedicata alle tendenze della moda italiana di vocazione artigianale, dallo stile ricercato e d’avanguardia con la partecipazione di giovani stilisti emergenti e Shopping Art. In mostra capi di abbigliamento, tessuti, scarpe, borse, occhiali, gioielli, accessori vari, piccoli complementi d’arredo realizzati da artigiani in grado di mixare il ‘saper fare’ con la sperimentazione di nuove tecnologie e materiali. 

Sul fronte del Food, a 100% Natura a fianco del Naturale e Biologico, novità assoluta sarà la presentazione di prodotti vegani, macrobiotici, raw food, cibi liofilizzati e una sezione dedicata all’alimentazione per celiaci. Ritorna, dopo il grande successo dell’edizione scorsa, l’iniziativa Le delizie di Leonardo Romanelli, il salotto del ‘buon gusto’ capitanato dal celebre enogastronomo fiorentino con un programma giornaliero ricco di eventi e show cooking con la partecipazione di celebri chef della ristorazione toscana. 

Fra i settori in crescita, Bellezza e Benessere, la vetrina dell’estetica e cosmesi artigianale con trattamenti viso-corpo, percorsi benessere, consigli personalizzati e coccole a volontà e Casa In & Out, la mostra collaterale dedicata al mondo dell’abitare, all’edilizia eco-sostenibile, al risparmio energetico e a tutte quelle proposte innovative per la casa. 

Rendez-vous Vintage in Fortezza è la sezione della mostra in omaggio all’affascinante mondo del vintage con oggetti di design e capi e accessori di abbigliamento. Il settore del riciclo, del riuso creativo e eco-design sarà rappresentato nell’area T-Riciclo Green Market, mentre Mani Creative è lo spazio interamente dedicato ai giovani artigiani. In mostra pezzi unici creati in vari materiali frutto della fantasia e della passione incondizionata per la manualità. 

A Visioni, in collaborazione con Artex , il visitatore potrà trovare ancora una volta una ricca campionatura di artigianato di ricerca e design. 

Ospite d’onore il Brasile che porterà in Fortezza il fascino e le mille facce del suo artigianato che riflette le culture delle diverse etnie. In programma anche eventi, spettacoli e tante proposte gastronomiche. 
Riflettori puntati infine sulle eccellenze del ‘fatto a mano’ del Casentino, dal celebre panno con i suoi caratteristici riccioli coloratissimi, caldi e impermeabili, alla lavorazione del ferro battuto e della pietra lavorata. 
   

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »